Verona e Parigi
alleate a supporto
degli artisti

Hèlène de Franchis
Hèlène de Franchis
02.06.2020

L’unione fa la forza anche per sostenere gli artisti in crisi a causa del coronavirus. Nell’Europa che torna progressivamente a vivere, un gruppo di galleristi ha scelto di federarsi per andare in soccorso degli artisti duramente colpiti dalla crisi. L’iniziativa è inedita, è stata intitolata “Aiutiamo gli artisti”, e nasce da un’idea dei galleristi Hèlène de Franchis titolare di Studio la Città, a Verona, e Alessandro Pron della Galerie Italienne di Parigi, insieme con il critico d’arte Marco Menguzzo e il sostegno di Angelo Martini, direttore dell’omonima casa d’aste di Brescia, una delle zone più colpite dal Covid-19.

 

"Aiutiamo gli artisti - Vendita eccezionale a beneficio degli artisti e del mondo dell’arte" è stato concepito per fornire sostegno concreto a coloro che nell’ultimo periodo si sono resi protagonisti di slanci di solidarietà assolutamente lodevoli, magari mettendo a disposizione le loro opere per cause benefiche, ma che poi, troppo spesso, sono stati dimenticati. Tra i protagonisti della vendita, in programma dal 15 al 21 giugno, Andreco, Miguel Chevalier, Anne Deguelle, Maurizio Donzelli, Arthur Duff, Herbert Hamak, Luigi Mainolfi, Donato Piccolo, Pietro Ruffo, Giacomo Segantin, Giorgia Severi, Tracey Snelling, Timothy Tompkins. Tutti artisti cosiddetti giovani ma garantiti dalla galleria da cui vengono presentati, il che impedisce di avere nomi importanti al fianco di amatori, pittori della domenica al fianco di artisti consapevoli di essere all’interno del grande sistema dell’arte.

 

Altra particolarità: l’asta si svolgerà esclusivamente on-line sulla piattaforma www.martiniarte.it. Agli artisti andrà la parte del leone, con 70% dei proventi, il restante 20% andrà alle gallerie organizzatrici e il 10% alla casa d’aste. Ogni artista potrà proporre due opere di dimensioni contenute per un valore di mercato compreso tra i 2.000 e i 10.000 euro.