Foto, mostre su Verona
e il suo mito e un
reportage in Cambogia

Foto di Ann-Christine Whoerl
Foto di Ann-Christine Whoerl
15.05.2019

Si inaugurano venerdì 17 maggio dalle 19 alle 21 alle Gallerie Quasi Fotografo, in via Carducci 14 e 29, due nuove mostre fotografiche. Al termine dell’inaugurazione, alle 21 prepareremo una cena in galleria con le autrici dove potrete fermarvi prenotando un posto. Le mostre rimarranno aperte fino al 17 giugno e sono visitabili dal martedì al sabato dalle ore 16:30 alle ore 19:30. Sabato 18 maggio dalle ore 10 alle ore 17 realizzeremo con le autrici un workshop tra la scrittura e la fotografia nella sede della mostra.

 

LE MOSTRE. «PAZIENZA DELL'ANIMA» di ANN-CRISTINE WOEHRL con testi di CAMILLE LAURA AVILLET . «Una città incapsulata in un mito mercantilizzato ad oltranza. Dove avremmo trovato l’ispirazione? Il tema si è imposto a noi di fronte alla delusione della realtà. Romeo e Giulietta erano esistiti. Montecchi e Capuleti figuravano già nella Divina Commedia di Dante che ha la sua piazza a Verona. Ma il dramma cosí come ci è stato trasmesso è un’invenzione. Non cerchiamo, dunque, i personaggi reali né quelli che la finzione ha mitizzato. Noi cerchiamo le ombre fuggenti che hanno ispirato Shakespeare… Le pulsazioni discrete attraverso le quali il desiderio si annuncia. I Poeti sono assopiti dietro gli orpelli delle vetrine? Possiamo risvegliarli?»(Camille Laura Villet)

 

«SHADED MEMORIES» di ANN-CRISTINE WOEHRL Questa mostra è il frutto di lungo reportage dove la fotografa ci porta tra i prigionieri della Cambogia tra il 1975 e 1979, documentando 40 anni dopo uno dei momenti più terrificanti della storia del paese. Attraverso quello che è rimasto nel carcere S21 dove 14000 persone vennero uccise, e dove ancora oggi, sono conservati gli archivi e gli oggetti Una mostra molto introspettiva dove confrontarsi con luoghi che sembrano ancora abitati da queste atrocità.