Lola Ponce in Arena
«Per Esmeralda
un colpo di fulmine»

Lola Ponce, cantante e attrice
Lola Ponce, cantante e attrice
 
Giulio Brusati02.09.2016

Lola Ponce si dichiara fiera di Notre Dame de Paris, l’opera pop, in programma stasera e domani in Arena.

Non potrebbe essere altrimenti: la sua carriera internazionale inizia con questo spettacolo. Ha appena 20 anni quando, in Spagna, nel 2001, partecipa alle selezione per Notre Dame davanti a Riccardo Cocciante. In Argentina Lola è una cantante al primo album e quando il cantautore di Bella senz’anima la sceglie come Esmeralda, inizia la sua ascesa nel mondo della musica.

«Sono davvero molto fiera di questo spettacolo», dice Lola, che è stata ospite a «L’Arena Live», la trasmissione del sito del nostro giornale, LArena.it, per parlare del suo ritorno come bella zingara in Notre Dame e non solo.

Con lei c'è anche Giò Di Tonno, il gobbo Quasimondo, parte del cast originale.

«Sì, ero molto giovane, appena ventenne, quando ho interpretato Esmeralda per la prima volta», ha spiegato l’artista nata in Argentina, a Capitán Bermúdez. «Questo ruolo fa parte della mia vita, mi ha costruita come artista e continua a farmi crescere». Anche se sono passati 14 anni da quel primo tour e diversi anni dall’ultima volta che Lola ha interpretato le canzoni scritte da Cocciante, trasposte in italiano dal «poeta paroliere» Pasquale Panella, già con Lucio Battisti.

«Per me è bellissimo poter essere ancora Esmeralda dopo 14 anni e nonostante la maternità (ha avuto due bellissime bimbe con il modello-attore messicano Aaron Diaz, ndr). È un’emozione enorme, molto più che in passato. Questo ritorno ha superato ogni nostra aspettativa. Tra me e il pubblico c’è feeling». Un «colpo di fulmine» che dura da 14 anni.

CORRELATI