Cucinotta, prima
in teatro: «Non
pensavo di farcela»

Vittoria Belvedere, Maria Grazia Cucinotta e Michela Andreozzi stasera al «Capitan Bovo»
Vittoria Belvedere, Maria Grazia Cucinotta e Michela Andreozzi stasera al «Capitan Bovo»
Nicolò Vincenzi 14.02.2019

Cala l’asso il teatro Capitan Bovo di Isola della Scala. Anzi, il tris. Questa sera alle 21 sul palco ci saranno Maria Grazia Cucinotta, Michela Andreozzi e Vittoria Belvedere e porteranno in scena lo spettacolo «Figlie di Eva». Il quarto appuntamento della rassegna isolana racconta la storia di un ricco e potente uomo che raggira, o almeno ci prova, tre donne a lui legate per diversi motivi. Saranno proprio Elvira, la sua segretaria, Vicky, la moglie tradita e infine Antonia, una professoressa di latino, a trovare il modo per vendicarsi di quel sindaco disonesto che risponde al nome di Nicola Papaleo. La regia è firmata da Massimiliano Vado, mentre l’autrice è la stessa Michela Andreozzi. Oltre alle tre attrici, sul palco salirà anche Marco Zingaro. Sarà l’unione di Elvira, Vicky e Antonia che seppur mal si sopportano, accomunate dalla loro sete di vendetta, creeranno più di qualche problema alla vita politica dell’uomo che le unisce. La commedia, portata in giro per l’Italia dal 2 febbraio scorso, segna anche il debutto assoluto sul palcoscenico di Maria Grazia Cucinotta che a 50 anni fa quindi il suo esordio in teatro.

Figlie di Eva è il suo primo spettacolo a teatro. Come mai è servito tanto tempo?

«Sì, è la mia prima volta sul palco di un teatro e sono sincera: non pensavo di farcela. In tutti questi anni ho sempre rifiutato tante parti e qualsiasi tipo di proposta perché non credevo di poter vincere la mia fobia del palcoscenico. Invece devo dire che il merito è stato di Michela Andreozzi che è riuscita a convincermi. Il problema non era tanto il contatto con il pubblico, ma il fatto di stare sopra ad un palco che proprio mi faceva paura. Io sono da sempre una grande timida e ho sempre avuto il timore di bloccarmi. Quando stai girando un film se sbagli la scena puoi ripeterla, ma sul palco rimedi solo una figuraccia».

E come ha fatto Michela Andreozzi a riuscire a portarla con sé sul palco?

«Non saprei dare una motivazione in particolare. Lei mi piace tantissimo come attrice, autrice e regista, di conseguenza questo mi ha tolto tante paure. Anche se non è stato facile. L’esordio, per fortuna, è andato bene. Sono davvero contenta e per questo devo dire grazie anche a tutto il gruppo di lavoro, soprattutto a Vittoria Belvedere e a Marco Zingaro che sono con me sul palco».

Dove vedremo Maria Grazia Cucinotta dopo la tournée?

«Il cinema rimane la mia passione. La mia vita. Non potrà mai sostituirlo niente e nessuno. La cosa bella del teatro, però, è trovare il team giusto. In questi 32 anni di carriera mi è capitato di lavorare con tantissime persone e ogni volta, da tutti, ho imparato qualcosa. Poi sono dieci anni che lavoro anche in Cina e ogni posto dove vado trovo un modo diverso di recitare. La cosa bella è che alla fine il cinema ha un solo vero linguaggio universale».

Chi interpreta nella commedia? E che tipo di spettacolo ci si deve aspettare?

«Io sul palco sono una ricca nobile siciliana che sposa un politico. È uno spettacolo in cui si ride tanto. La grande soddisfazione in queste prime repliche è vedere la gente che esce contenta. È una commedia che dice tante verità, ma ci riesce facendo anche sorridere ed è questa è la sua grande forza».

Si capisce che fra voi si è creato un rapporto molto complice. Prima di andare in scena, per scaricare un po’ la tensione, fai anche dei gesti scaramantici?

«Per scaramanzia faccio qualsiasi cosa. Un vizio che mi ha attaccato Vittoria Belvedere è quello di mangiare sacchetti di patatine prima di andare in scena perché dice che ci servono sali. Per non parlare di quando ci fermiamo negli autogrill durante i viaggi da una città all’altra. La realtà, invece, è che siamo tutte golose e non so come andrà a finire questa tournée». •

Primo Piano
Turisti a Verona a Ferragosto (Brusati)
 
Oltre 26mila presenze - FOTO E VIDEO

Ponte di Ferragosto
Verona fa il pieno
di turisti

Condividi la Notizia
 
Nuove tecnologie in arrivo

Droni su Verona
per sterminare
le zanzare

Condividi la Notizia
 
Il calciatore tornato nella sua città

Balotelli al Brescia
«Paura di fallire?
Zero. Sto bene»

Condividi la Notizia
 
A settembre le scelte sui nuovi nomi

Dove abiti
a Verona?
In via Elvis Presley

Condividi la Notizia
1 2 3 4 5 6 >