Leon, salto di qualità
con il Digital Cockpit

La nuova Seat Leon, gruppo Volkswagen,  in versione ibrida e con tanta tecnologia multimediale infotainment
La nuova Seat Leon, gruppo Volkswagen, in versione ibrida e con tanta tecnologia multimediale infotainment
10.02.2020

Tecnologica e connessa, elettrificata. La quarta generazione della Seat Leon segna un deciso passo in avanti per la media della casa spagnola che fa parte del gruppo Volkswagen. E il punto di riferimento rimane proprio la cugina Golf, con cui condivide molte soluzioni, a partire dalla piattaforma MQB. Il design è più ricercato ma non stravolto rispetto alla versione in uscita, con linee più personali e aggressive. All'interno invece il sistema infotainment ha fatto un deciso salto in avanti con la plancia dominata da un touch-screen dal quale si comanda tutto. Il cuore del sistema della Leon è rappresentato dal Digital Cockpit, che comprende una strumentazione ad alta risoluzione da 10,25 pollici. Il sistema multimediale di serie si avvale di uno schermo da 8,25 pollici con compatibilità audio per smartphone, mentre il sistema di navigazione con schermo più ampio da 10 pollici offre connessione 3D, display Retina e comandi vocali. La nuova Leon diventa più lunga, più stretta e più bassa in entrambe le versioni, quella a due volumi e la station wagon, rispetto alla generazione precedente: la hatchback è lunga 4,36 metri (8,6 centimetri in più, larga 1,8 metri (-1,6 centimetri) e alta 1,45 metri (-3 centimetri). Il passo arriva a 2,68 metri, cinque centimetri in più che consentono di migliorare l'abitabilità. Cresce anche la Sportstourer con 4,64 metri in lunghezza, aumentata di 9,3 centimetri. Sono quattro gli allestimenti previsti - Style, Reference, Xcellence e la sportiva FR – con dotazioni di serie complete già dall'entry level. Completa la gamma delle motorizzazioni, al cui interno debutta l'ibrida plug-in eHybrid. Il benzina 1.4 TSI è abbinato ad un motore elettrico con batterie agli ioni di litio da 13 kWh per una potenza complessiva di 204 cavalli. Non mancheranno le versioni più tradizionali con il benzina TSI a tre cilindri da un litro con 95 o 115 cavalli e il nuovo TSI Evo 1.5 benzina da 130 o 150 cavalli con ibrido leggero mild hybrid MHEV con sistema a 48 volt che riduce il consumo di carburante e le emissioni di circa il dieci per cento. Ci sarà anche un motore a gasolio basato sul TDI della Golf con 115 o 150 cavalli, quest'ultimo abbinato sempre con un sistema ibrido leggero. La Leon, attesa per la seconda parte del 2020 oltre che con la Golf, sul mercato se la dovrà vedere con concorrenti come Ford Focus, Opel Astra, Peugeot 308, Toyota Corolla, Honda Civic, Kia Ceed.