Intanto delle “grandi opere”
ne arriva una: la giostra

La Posta della Olga
La Posta della Olga
Silvino Gonzato19.11.2015

«Mi telefona la Elide» scrive la Olga. «Mi dice che mentre il mondo è sotto shock per ciò che è successo a Parigi e potrebbe succedere altrove, i politici di Verona si dividono sul luogo in cui dovrebbe essere montata una giostra, una ruota panoramica per i turisti che così potranno fotografare la città dall’alto. “Te par giusto?” mi chiede la Elide. “Non lo so, - le rispondo - aspèta che sbasso la televisión, così te sento mèio. Te diséi de la giostra. Bè, me par che sia l’unica grande opera che va in porto, visto che ormai el traforo de le Toresèle l’è andà in balón e che no se sa più gnente del filobus”. “Però - mi risponde la Elide - métarse a criàr par ‘na giostra proprio in ‘sti giorni me par ‘na roba fora de ogni comprensión”. “Se no sbàlio - le dico - la polemica l’ha avviata l’ex assessór Corsi che el g’à el dente invelenà con Tosi che el l’à licensià. Corsi el voléa métar la rua panoramica sul cuèrto del parcheggio Arena, in mezzo alle case, così i turisti che i ghe montava sora i vedéa dentro le abitassióni la gente che magnava o l’era sentà sul cesso, mentre l’assessór Ambrosini, che l’à ciapà el so posto all’assessorato alle giostre, el vol métarla da ‘n’altra parte”».

«Comunque - la me fa la Elide - pensàr a le giostre in ‘sti momenti me pararìa fora lógo e mi ghe dirìa anca a quei che i paragona corso Porta Nova ai Sciamps Elisé de métarse un stròpolo a la boca parché no vorìa che i teroristi i vegnesse anca qua”. “No credo che Verona la ghe interessa - rispondo alla Elide - In centro, specie adesso che i à serà la Ztl de sera, no gh’è gnanca un can, el museo della lirica, Amo, l’è sempre ùdo, i teatri anca o quasi e all’Arena ghe pensa Girondini a disastrarla sensa che vegna quei de l’Isis”. “Però no se sa mai - mi dice la Elide - Ho letto sul giornàl che un terorista l’à ciapà l’aereo al Catullo”. “Par fortuna - le rispondo - Se no ghe fusse i teroristi, i mafiosi e i rapinatori, el Catullo, che l’è zà uno dei ultimi aeroporti in Italia par nùmaro de passeggeri, bisognarìa seràrlo. E po, in ogni caso, finché al ministero degli Interni gh’è l’Angelin Alfano podémo dormir sonni tranquilli”. “Dìsito de sì?” mi fa la Elide. “No digo gnente - le rispondo - El me Gino el sta scorlàndo la testa”».

Primo Piano
La conferenza stampa di Conte
 
Condividi la Notizia
 
In Veneto sono 684 morti e 11.698 casi finora

Verona, calano
ancora i ricoverati
11 vittime in 24 ore

Condividi la Notizia