Ecco i buoni spesa
tutte le informazioni
"Guerra ai furbi"

I buoni spesa
I buoni spesa
07.04.2020

La diretta del sindaco sui buoni pasto. Presenti anche il comandante della Guardia di Finanza Generale Carlo Ragusa e il Direttore Generale di Veronafiere Giovanni Mantovani.

"Sono arrivate circa 1300 e rotte richieste", dice subito il sindaco, "e abbiamo  aggiunto un altro numero verde : oltre all' 800085570 ci sarà l'800644494, mail: sportelloinfosociale@comune.verona.it. 

I buoni spesa sono di 20 euro e, sulle 4 settimane, possono essere elargiti  da una somma massima di 800 euro per un nucleo familiare di 5 persone (e più)  a un minimo di 240 euro per nucleo familiare di una sola persona

 

Posso essere usati per acquistare generi alimentari, beni di prima necessità, prodotti per l'infanzia e per la casa.  Ma non per acquistare alcol. Da utilizzare entro il 31 maggio 2020. Non danno resto.

 

Sono provvisti di "Qrcode" identificativo. Non sono replicabili. "I controlli ci saranno e non ci saranno sconti per chi tenterà di fare il furbo. La Fiera si è resa disponibile per fare in modo che i buoni spesa non fossero falsificabili e in tempi rapidissimi senza un aggravio di costi".

 

I buoni spesa verranno consegnati a domicilio da persone qualificate e accompagnate dalla polizia locale, poiché qui si parla di soldi.

 

Stima dell'utenza? Pensiamo a 3,4 mila persone. Ma è ancora presto per un calcolo preciso.

 

Generale della Guardia di Finanza, Ragusa. "I buoni spesa sono una risorsa dello stato italiano per le persone in difficoltà e il nostro compito è evitare che ci possano essere dei furbi, o meglio dei delinquenti, che si possono avvantaggiare illegalmente di questi buoni. Sono previste sanzioni  di carattere penale".

 

"Due le fattispecie di reato a danno dello Stato. L'articolo 316 ter cp reclusione da 6 mesi a 3 anni e l'articolo per truffa aggravata 640 bis, pena da 2 a 7 anni. I controlli saranno effettuati anche nei mesi avvenire, assicura Ragusa. E i controlli ci saranno anche su eventuali falsificazioni. Ma qui ci sentiamo particolarmente tutelati. E comunque facciamo appello al senso civico delle persone", dice Ragusa.

 

Giovanni Mantovani, direttore generale Veronafiere. "Un intervento che abbiamo fatto volentieri, quello di stampare i buoni spesa. E' la prima volta dalla seconda guerra mondiale che la Fiera sospende la propria attività. E come nella seconda guerra mondiale la situazione economica sarà molto impegnativa. Allora la Fiera ripartì grazie al contributo della città. E oggi vogliamo mostrare la nostra riconoscenza alla città impegnandoci a fianco del Comune. Stampiamo questi buoni senza oneri per il Comune e rendiamo con il nostro standard anti falsificazioni più semplice il lavoro della Guardia di Finanza".

 

Settimana santa. Riprende il sindaco: "Il tema delle chiese aperte e chiese chiuse. La circolare del Ministero chiarisce alcuni dubbi. Le chiese sono aperte. Chi può andare in chiesa? Con tutte le dovute cautele della distanza e delle mascherine, possono andare le persone che sono legittimate a  uscire e che hanno una chiesa sul tragitto". 

 

Funzioni di Pasqua." L'accesso alla chiesa sarà limitato solo ai celebranti. Non si potrà partecipare andando in chiesa".

 

Via Crucis. "Con il Vescovo stiamo organizzando la via crucis del venerdì che rispetti tutti i parametri previsti dalle circolari emesse per l'emergenza e che vada a toccare i luoghi maggiormente colpiti. Sarà un'esperienza molto toccante e molto simbolica".

 

Cani. "Legittimo e necessario portare i cani a fare i bisogni. Continuo però a ricevere segnalazioni di persone che portano fuori il cane e poi però non raccolgono le feci. A queste persone, maleducate, dico che bisogna tenere puliti i nostri marciapiedi. Faccio appello al senso civico e alla buona educazione", dice il sindaco.

 

Ponte di Pasqua. "Mi aspetto che le persone, nonostante il bel tempo, restino a casa come hanno fatto lo scorso week-end. Non è il momento di fare scampagnate e grigliate. Assolutamente. I controlli ci saranno e saremo operativi al cento per cento". "Fase 2? Non mi sbilancio è ancora presto.