Addio all’ex calciatore Sguazzardo Lo chiamavano Puti e segnava tanto

Valerio Locatelli 31.08.2018

Valerio Locatelli Il mondo sportivo piange Luciano Sguazzardo, ex calciatore, morto mercoledì all’età di 74 anni. Era soprannominato Puti ed il suo nome figura tra i fondatori dell’Ac Vigasio, ma ha rivestito incarichi anche in altri sodalizi, non solo sportivi, come l’associazione Pro Loco. Sguazzardo è stato tra i più grandi giocatori della celebre dinastia calcistica dell’Ac Vigasio, dove era nato il 6 ottobre 1943. Nella sua biografia è descritto come una mezza punta di grande talento e grande costruttore di gioco. «Dopo aver debuttato in maglia bianco celeste», è scritto nel volume La storia del calcio a Vigasio di Cristian Canazza e Carlo Fontanelli per Geo Edizioni, «alla fine degli anni Cinquanta, milita per sei stagioni nella Juventina Monteforte tra il 1961 e il 1967, per poi passare alla Scaligera per altri cinque campionati; nel 1972 finalmente torna ad indossare la maglia biancoceleste, costituendo da subito uno dei punti fermi del reparto offensivo vigasiano. Tra gli artefici delle due promozioni consecutive (in Seconda Categoria, ndr), gioca in riva al Tartaro fino al 1979, anno in cui pone fine ad una gloriosa carriera dopo 159 presenze e 32 reti con la maglia del Vigasio». «Il mio ricordo più bello che ho del Puti», ha detto il presidente della Società sportiva dilettantistica Cristian Zaffani, «è che quando i nostri ragazzi hanno guadagnato sul campo la promozione in serie D, cioè un paio di stagioni fa, lui era entusiasta, mi fermava spesso per la strada trasmettendomi l’entusiasmo nel seguire la squadra del cuore e mi diceva che questa promozione era un traguardo storico per Vigasio. Essendo stato un grande calciatore e tifoso del Vigasio riusciva a capire le difficoltà che una piccola società come la nostra poteva avere in un campionato professionistico». I funerali domani alle 9.30 nella chiesa parrocchiale di Vigasio. •

Primo Piano
 
Domani lo sciopero anche a Verona

Medici sul piede
di guerra: «Ormai
siamo al limite»

Condividi la Notizia
 
Intervento dei vigili de fuoco

Mestre, edificio
in fiamme: trovati
due cadaveri

Condividi la Notizia