Lavori nelle frazioni per la rete fognaria di Acque veronesi

Federica Valbusa 19.07.2018

Prenderanno il via a breve i lavori di adeguamento delle rete fognaria nelle frazioni di Lugagnano e San Giorgio in Salici. L’intervento, finanziato dal Comune e realizzato da Acque Veronesi, dovrebbe cominciare entro i primi di giorni di agosto e concludersi ad ottobre. I lavori interesseranno via Generale Graziani e via Tartaro a Lugagnano, e via Segradi e via Palladio a San Giorgio in Salici. Nel frattempo proseguono i lavori di metanizzazione e potenziamento idrico in località Bellona, tra le aree abitate della frazione di Lugagnano e di Sona. Il sindaco Gianluigi Mazzi dichiara: «Purtroppo in passato veniva dato poco valore a queste importanti opere di sottoservizi; negli ultimi anni abbiamo voluto intervenire sia nell’ambito della fognatura, sia in quello del potenziamento idrico e della metanizzazione. Sono costi importanti che però, pianificati di anno in anno, permetteranno in questo mandato di soddisfare quello che da tempo i residenti delle diverse aree sprovviste chiedevano». Prosegue Mazzi: «Stiamo affiancando alle grandi opere lavori “minori”’ ma fondamentali e determinanti per i residenti. Questi interventi permettono infatti di dare ordine alla gestione dei sottoservizi, migliorano la qualità di vita, e aumentano anche il valore delle abitazioni». Il sindaco assicura che nei prossimi anni verranno realizzati interventi anche nelle altre vie non previste in questa fase dei lavori: «Ai residenti di altre strade chiedo un po’ di pazienza perché comunque ogni anno arriveremo a pianificare alcuni interventi con l’obiettivo di portare quanto prima un maggior numero di abitanti del Comune di Sona in rete con i principali sottoservizi». •

Primo Piano
Maxi tamponamento in A22 (Diennefoto)
 
40 feriti. Il procuratore D'Amico: «Graziato»

Maxi incidente A22
La vittima di Parma
Traffico ora normale

Condividi la Notizia
 
Incidente in piazza Castello

Grave bambino
travolto da bus
a Vicenza

Condividi la Notizia
 
«Solo arte, niente stereotipi»

Nuove statue?
Saranno gli esperti
a decidere

Condividi la Notizia