Acquisito altro terreno Il parco sarà più grande

Una veduta del parco Le sorgenti del castello FOTO PECORA
Una veduta del parco Le sorgenti del castello FOTO PECORA
Giorgio Guzzetti 05.08.2018

È stata conclusa la pratica di acquisizione del terreno per l’allargamento del parco del castello verso Azzano con un esborso di 80 mila euro. inoltre, sono stati stanziati altri 111 mila euro per integrare la spesa sociale per minori e richiesta della Commissione bilancio da parte della minoranza. Sono i tre interventi principali del consiglio comunale di giovedì scorso sull’assestamento del bilancio di previsione, salvaguardia degli equilibri e ricognizione dei programmi 2018. Il primo intervento riguarda la pratica di acquisizione, avvenuta nel 2016, del terreno verso Azzzano per allargare il parco Le sorgenti del castello. La procedura è stata corretta, pur nella complessità della situazione legata alla normativa in materia di esproprio. La novità è emersa in sede di ricorso, da parte della proprietà, contro l’indennità di esproprio; questo ha comportato una rivalutazione di natura tecnica giuridica che ha portato a una proposta concordata molto inferiore alle pretese iniziali della proprietà. Spiega il sindaco Antonello Panuccio «Abbiamo accettato la proposta che chiude la pratica di acquisto integrando i 120 mila euro dell’acconto iniziale con altri 80 mila, utilizzando l’avanzo di amministrazione». L’incremento del fondo a sostegno del sociale è la conseguenza di un decreto del tribunale che impone alle amministrazioni comunali, quando la famiglia non può provvedere, di seguire e tutelare i minori collocandoli in strutture adeguate. La somma stanziata copre la relativa spesa fino a dicembre 2018. Per quanto riguarda l’avanzo di amministrazione che ammonta a 860 mila euro chiarisce il sindaco: «Abbiamo solo deciso una sua parziale utilizzazione destinato al primo stralcio del progetto di riqualificazione di via Cavour che riguarda il marciapiede; in seguito realizzeremo gli altri due: il collegamento con Rizza e la sistemazione del controviale». Poi la minoranza vota contro. «Non per il merito, ma per il metodo», spiega Sergio Falzi. «A parte che non siamo stati convocati come capigruppo in preparazione del Consiglio, chiedo che per facilitare e migliorare il lavoro della minoranza il materiale dei punti all’ordine del giorno, come da regolamento messo a disposizione dei consiglieri tre giorni prima, sia sostenuto da un adeguato lavoro in commissione; spero che questa mia richiesta sia condivisa da coloro che, fino a pochi mesi fa, sedevano su questi banchi vicino a me e peroravano la stessa causa ed ora sono in maggioranza». A nome della minoranza Falzi chiede pure di istituire al più presto «la Commissione bilancio dove ci si riunisca per tempo e in cui si disponga del materiale per un confronto aperto e dove il tutto sia verbalizzato e trasparente. La nostra richiesta avrà una ricaduta positiva sull’amministrazione, non peserà sul lavoro degli uffici e soprattutto migliorerà la preparazione e partecipazione all’intero consiglio, minoranza compresa». •

Primo Piano
 
Trasportata da Cagliari, ha due mesi

Bimba malata grave
portata a Verona
con un volo militare

Condividi la Notizia
 
Operazione dei carabinieri a Peschiera

Prostituzione
minorile
Preso ricercato

Condividi la Notizia