Valpolicella e vini
Il ministro: «Accordo
con Alibaba»

Il ministro Gian Marco Centinaio, al centro, con Andrea Sartori e Olga Bussinello
Il ministro Gian Marco Centinaio, al centro, con Andrea Sartori e Olga Bussinello
C.M. 14.09.2018

A Sant'Ambrogio di Valpolicella il ministro alle politiche agricole Gian Marco Centinaio fa visita al Consorzio tutela Vini Valpolicella nella nuova sede in villa Brenzoni Bassani. Numerose le autorità civili e militari, dal Senato alla Regione Veneto, da Confindustria ai produttori di vino fino ai sindaci, a partire da quello di Sant'Ambrogio Roberto Zorzi a quello di Verona Federico Sboarina. L'incontro dibattito in villa è iniziato alle 10.30. 

 

 

Il ministro ha annunciato un accordo con il gigante dell’ecommerce Alibaba per dedicare una parte del sito all’enogastronomia italiana che verrà firmato nell’ambito della prossima visita istituzionale in Cina. «Vogliamo stringere accordi - ha detto Centinaio - con tutte le grandi aziende di ecommerce, come Amazon e Alibaba, dove l'italian sounding vive e si autoriproduce, e andremo a scovare quelli che fanno l’italiano ’taroccò. Con Alibaba ci sarà la possibilità di aprire una strada diversa all’agroalimentare italiano".

 

Altri accordi, ha preannunciato Centinaio, riguarderanno anche il vino: "Siamo quelli che producono più vino in Europa - ha notato - ma nei mercati emergenti siamo lontani rispetto ai nostri competitor, come i francesi. Dobbiamo imparare da loro: nelle missioni all’estero andavano i parlamentari con gli imprenditori, con accordi già fatti, e hanno promosso il ’sognò del vino francese. Oggi il nostro obiettivo è quello di recuperare rispetto a loro", ha concluso.

CORRELATI