Ospedale di Negrar riconosciuto come nuovo Irccs

Il professore Zeno Bisoffi
Il professore Zeno Bisoffi
07.07.2018

Il ministero della Salute ha riconosciuto il carattere scientifico nella disciplina «malattie infettive e tropicali» all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar: salgono a tre gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) del Veneto (in Italia sono solo 50, specializzati in varie discipline mediche). Il Sacro Cuore Don Calabria, oltre che per le malattie infettive, è l’unico ospedale ad aver ottenuto il riconoscimento per quelle tropicali, patologie di interesse globale alla luce dell’incremento esponenziale negli ultimi anni dei viaggi in aree tropicali e dei flussi migratori. Gli Irccs sono ospedali di eccellenza con finalità di ricerca, che deve trovare necessariamente sbocco in applicazioni terapeutiche. Inoltre effettuano prestazioni di ricovero e cura di alta specialità. Lunedì alle 10 nella sala convegni dell’ospedale, l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto illustrerà alla stampa questo importante riconoscimento per la sanità veneta e nazionale. Nel corso della conferenza stampa il professor Zeno Bisoffi, direttore dell’Uoc Malattie infettive e tropicali, illustrerà le principali aree di ricerca che caratterizzano l’Irccs di Negrar. Interverranno anche il presidente del Sacro Cuore Don Calabria, fratel Gedovar Nazzari, e l’amministratore delegato Mario Piccinini. •