L’eredità di don Milani Mostra, serate e Barbiana

Don Lorenzo Milani
Don Lorenzo Milani
A.C. 28.09.2018

«Don Milani: la profezia, l’attualità, la speranza»: un ciclo di incontri ed eventi dedicato al priore di Barbiana che ha lasciato il segno nel cuore di molti e ha inaugurato una nuova forma di esperienza educativa sperimentale tra il 1954 e il 1967. «Sono passati 50 anni dal big bang di Barbiana, il piccolo paesino sulle montagne toscane dove don Milani aveva scelto di stabilirsi e operare, e ogni giorno, anche fuori dalle aule scolastiche, tornano le frasi profetiche che non hanno smesso di accompagnare molti educatori e persone di cultura», spiega il presidente della Pro loco Dario Degani. Per non dimenticare la figura del priore, evocata per richiamare l’impegno primario della società a farsi carico («I care» nella celebre frasi scritta in inglese nella scuola di don Milani), la Pro Loco Marano con il patrocinio dei Comuni di Marano e Fumane e dell’Unpli di Verona e con la collaborazione dell’istituto Calabresi-Levi di San Pietro In Cariano, ha organizzato nell’ambito dell’«Ottobre culturale» un ciclo di incontri e conferenze dedicati all’esperienza della scuola di Barbiana e a don Milani. Oggi alle 20.45 verrà inaugurata la mostra itinerante «Barbiana il silenzio diventa voce» della fondazione Don Lorenzo Milani, nella sala polifunzionale di Valgatara fino al 6 ottobre, a cui seguirà la proiezione del video Barbiana 65. Seguirà giovedì 4 ottobre alle 20.45 nell’aula magna del Calabrese-Levi «Don Milani a scuola oggi: esperienze di vita a scuola», incontro coordinato dal professore Marco Menin dell’istituto Marconi di Verona che interverrà con «Tornare a Barbiana»; i professori Camozza e Scannavino del Calabrese–Levi con «Percorsi di coscienza civica»; la professoressa Agata La Terza con «La conquista della lingua» e la professoressa Tullia Urschitz dell’istituto comprensivo Lorenzi di Fumane con «Imparare insieme: l’importanza della tecnologia». Nella Sala consiliare di Fumane giovedì 11 ottobre alle 20.45 don Roberto Vinco condurrà l’intervento «Da Don Milani a Papa Francesco: donare la parola agli ultimi»; il 18 ottobre alle 20.45 nella Sala polifunzionale di Valgatara si terrà la tavola rotonda «Don Milani oggi fra scuola e società, fra profezia e speranza» con le relazioni di Rosetta Infelise («La disobbedienza è ancora una virtù?»), l’educatore Nello Dalla Costa («C’è ancora bisogno di Lettera a una professoressa?) e conclusioni del sindaco di Marano ed ex dirigente dell’istituto comprensivo di Fumane Giovanni Viviani. «Il ciclo di incontri si concluderà domenica 21 ottobre con un viaggio a Barbiana, organizzato dalla Pro loco di Marano con il contributo di Valpolicella Benaco Banca, aperto, fino al limite dei posti disponibili, a tutti coloro che vogliono cogliere l’occasione per una meditazione sul posto, per un ripasso dei fondamenti della propria esistenza nel silenzio e nella semplicità» conclude Degani. •