«Scendi bastardo»
Sull'autobus
nuova aggressione

Un bus Atv a Legnago
Un bus Atv a Legnago
13.03.2018

È bastato che invitasse uno studente marocchino ad obliterare il biglietto di cui era in possesso per venire coperto da insulti irripetibili. Una raffica di offese pesanti, condite dall’accusa di essere razzista che sono culminate in una minaccia vera e propria per l’autista Atv di turno: «Scendi brutto bastardo che ti rompo il c...».

 

Sulla linea 144, che collega Verona con la Bassa, continua a viaggiare la paura. E le aggressioni, in questo caso fortunatamente solo verbali, sono diventate ormai una costante pericolosa per i conducenti in servizio. I quali, negli ultimi 25 giorni, sono stati presi di mira ben quattro volte, con seri rischi per la loro incolumità. Sempre per opera di giovani «portoghesi» diventati ormai un incubo sia per il personale che per gli altri passeggeri.

CORRELATI