Est
Vai a
Vai a

Neve e vento, strade
chiuse in Lessinia
«Rimanete in casa»

Sant'Anna d'Alfaedo sulla strada fra Barozze e Ronconi (Zambaldo)
Sant'Anna d'Alfaedo sulla strada fra Barozze e Ronconi (Zambaldo)
Vittorio Zambaldo13.11.2017

Prima neve in Lessinia a quote basse (fino a 800 metri), ma è il vento il vero protagonista della giornata con raffiche che hanno raggiunto i 30.4 metri al secondo nella centralina Arpav posizionata sul Monte Tomba.

I disagi più gravi li denuncia il sindaco di Sant’Anna d’Alfaedo Raffaello Campostrini che ha diramato un comunicato in cui avverte la popolazione dello stato di grave pericolosità rappresentato da alberi caduti o inclinati sulla carreggiata, ma soprattutto cartelli stradali e lamiere di copertura dei tetti che volano come lame.

«Ci sono diverse strutture divelte dal forte vento come alberi e rami, lampioni, cartelli stradali, cassonetti, pannelli solari, lamiere di tetti, pezzi di ghiaccio che si staccano dai tetti che stanno creando rischio e pericolosità elevati per chi sta all’esterno delle case. L’invito alla cittadinanza per la propria incolumità è di rimanere in casa», avverte il sindaco.

Sono impegnati operai del Comune, della Provincia, carabinieri e Protezione civile. È chiusa per precauzione anche la strada provinciale 13 da Erbezzo a Bosco Chiesanuova perché il forte vento e la neve hanno pericolosamente piegato i cavi dell’alta tensione. Sono al lavoro operai specializzati per cercare di ripristinare la linea.

Neve non ne è caduta moltissima (fra i 5 e i 15 centimetri) ma il vento la sta portando ovunque accumulandola in alcuni punti. Per questo è chiusa la strada per San Giorgio salendo da Bosco Chiesanuova. È possibile arrivare solo fino a Branchetto.

 

 

 

 

Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione Veneto ha dichiarato lo stato di attenzione per vento forte dalle ore 24.00 di oggi alle 24.00 di mercoledì 15 novembre.

CORRELATI
Condividi la notizia