Est
Vai a
Vai a

La Fiera del bestiame
fa 110 anni. Con lode

07.09.2017

Compie 110 anni la Fiera del bestiame di Erbezzo «ma io le darei anche la lode», ha scherzato la consigliera provinciale Serena Cubico, con delega alle Politiche montane.

Ai Palazzi Scaligeri viene ospitata la presentazione dell’evento, sottolineando che «l’agricoltura non è nella funzioni della Provincia ma quello che possiamo lo facciamo volentieri per favorire la comunicazione e assicurare la nostra vicinanza a chi si impegna a valorizzare lavoro e prodotti in maniera coraggiosa come fanno i montanari».

Si parte già stasera alle 20.30 con un convegno tecnico al Palalinte, in collaborazione con Coldiretti, per illustrare le novità dell’anagrafe zootecnica (Fabrizio Cestaro); i prodotti che svelano il territorio (Mauro Pasquali); il futuro della Pac, la politica agricola comunitaria dopo il 2020 (Angelo Frascarelli).

Domani sempre alle 20.30 apertura nella sala civica comunale della mostra fotografica abbinata al concorso «Lessinia rurale», che sarà visitabile fino a domenica sera: «Sono esposte le 30 foto più votate on line delle 200 recapitate alla pagina Facebook dell’Antica fiera del bestiame. Abbiamo avuto 11mila visualizzazioni, l’ultima dal Giappone», ha raccontato il consigliere comunale di Erbezzo delegato all’agricoltura Giuliano Menegazzi, «che ha commentato sotto la foto di vacche al pascolo all’ombra di una malga: “Questo è il paradiso”. Vogliamo credere che sia davvero un paradiso da difendere per un mondo sostenibile», ha aggiunto.

Ha poi ricordato che nella stessa sera saranno premiati i vincitori delle tre categorie in concorso: paesaggio, animali, lavoro e prodotti e sarà presentato il calendario 2018 con le 12 foto più belle.

Sabato mattina comincerà alle 9 l’esposizione di macchine agricole e alle 10 la rassegna delle razze bovine da carne e da latte presenti in alpeggio. Al termine saluto delle autorità e premiazione degli allevatori che hanno presentato i capi migliori. Alla sera alle 20.30 in Sala Ciclamino proiezione del cortometraggio «Calda montagna» sulla storia della lana, realizzato dalla scuola primaria di Erbezzo e premiato a un concorso regionale.

A seguire un documentario dell’ultima edizione del Film Festival della Lessinia.

Domenica è dedicata a «Tipicamente Lessinia» con il quarto concorso regionale della pecora di razza Brogna alle 10,30, seguito dal voto per l’agnellino più bello riservato ai bambini e apertura degli stand enogastronomici con arrosticini party e premiazioni dei capi migliori a mezzogiorno.

Nel pomeriggio alle 14 laboratori della lana e del formaggio, esibizione di cani pastore e tosatura delle pecore. Il programma completo è disponibile sul sito www.comune.erbezzo.vr.it.

«La Fiera ha una storia ultracentenaria e rappresentava un punto di riferimento per la provincia sulla compravendita del bestiame», ha precisato il sindaco Lucio Campedelli, «oggi si fatica a mantenere quella tradizione e la fiera si è trasformata in mostra dei capi migliori grazie all’associazione regionale allevatori (Ara) che coinvolge gli iscritti. È possibile che ci sia del malcontento per la difficile situazione che vivono gli allevatori, dalla siccità che ha costretto a portare acqua e fieno in malga fin dalle prime settimane di alpeggio, al prezzo del latte, alla presenza del lupo».

«Ci dobbiamo chiedere cosa succederebbe in montagna se mancasse la zootecnia», ha commentato Adriano Toffoli, direttore Ara, «e il nostro sforzo di presenza è per garantire assistenza e garanzia ad allevatori e consumatori».

Il lavoro svolto dall’Associazione per la promozione e la tutela della pecora Brogna è un esempio di come i risultati arrivino se ci si dedica con costanza e passione, ha sottolineato il presidente Marco Beccherle, «e noi con le spalle dure abbiamo deciso di continuare ad organizzare la festa, nonostante le difficoltà, perché la fiducia nel futuro vale tanto quanto il successo di mercato», ha concluso Menegazzi, visibilmnente emozionato. V.Z.

Condividi la notizia