Quello che si deve sapere per evitare incidenti sui monti

Soccorso alpino in azione
Soccorso alpino in azione
V.Z.04.08.2018

La Stazione di Verona del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico del Cai, in collaborazione con la sezione Lessinia, di Bosco Chiesanuova, e la Scuola di alpinismo e scialpinismo «Achille Leso», organizza, in piazza Chiesa, mercoledì 8 (posticipato rispetto al programma iniziale che lo prevedeva per domani) uno stand aperto dalle 15 alle 19 in cui gli esperti del Cai svilupperanno una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione degli incidenti in montagna nella stagione estiva. Sarà occasione per conoscere, salutare, e parlare con i volontari di cosa si possa fare per evitare di dover chiamare il Soccorso alpino. Il progetto, che è nazionale, si intitola «Montagnamica e sicura» e si propone di incontrare sul posto ogni turista della montagna e attirare la sua attenzione sui rischi che caratterizzano l’ambiente che intende frequentare e divulgare la conoscenza dei metodi di prevenzione e degli strumenti e tecniche in uso per progredire in sicurezza, autosoccorso e soccorso organizzato. L’iniziativa intrapresa da Club alpino italiano, Soccorso alpino e speleologico e l’Associazione Guide, si prospetta permanente, con interventi sia nel periodo estivo che in quello invernale per illustrare le diverse modalità di affrontare l’ambiente escursionistico e quello innevato. Per l’occasione, sarà presente anche Bepi Pinter che per 43 anni ha fatto parte del Soccorso alpino trentino e dal 2000 al 2010 è stato unità cinofila col suo golden retriever Baloo: una vita insieme raccontata in un libro commovente e intimo, «L’ombra di Baloo» che si potrà trovare allo stand. •