La festa più dolce dell’anno dopo due anni di «carestia»

Una buona stagione per le api e i prodotti dell’alveare
Una buona stagione per le api e i prodotti dell’alveare
V.Z.25.08.2018

La festa più dolce dell’anno, quella dell’apicoltura e del miele della Lessinia è arrivata alla sua 37a edizione e attirerà in piazza Chiesa domani per tutta la giornata, golosi e appassionati del meraviglioso mondo delle api, nell’evento organizzato dal gruppo veronese dell’Associazione regionale apicoltori del Veneto con il sostegno della Pro loco e il patrocinio del Comune. «Dopo due anni di “carestia” è arrivata finalmente una buona stagione per le api e i prodotti dell’alveare», commenta Matteo Villa, tecnico apistico e responsabile del gruppo veronese che sarà presente con una dozzina di espositori, «fra i quali tre giovani apicoltori, uno dei quali anche con l’azienda certificata biologica. Sono segnali che fanno ben sperare per il futuro e che vale la pena sostenere e aiutare a crescere». L’andamento stagionale ha dato fiato e coraggio al settore, grazie a una buona produzione di miele di acacia che per l’abbondanza di raccolto di solito determina il segno positivo o negativo di tutta una stagione: «Quando c’è nettare sufficiente e le api riescono a immagazzinare delle buone scorte di miele è anche la salute dell’intero apiario che ne ricava vantaggio: la siccità del 2017 ci aveva messi in ginocchio, ma i risultati di quest’anno sono confortanti, sia in termini di produzione, sia in termini di salute», aggiunge Villa. Alle 9 apriranno gli stand delle aziende produttrici per mettere in mostra il miele, la propoli, la pappa reale, il polline e tutti i prodotti derivati dall’alveare, ma anche collegati alla propria attività come conserve e confetture. Quest’anno è stata introdotta anche una passeggiata guidata, con accesso libero a tutti e gratuito, con partenza alle 9 diretti a Valdiporro (7,5 chilometri complessivi fra andata e ritorno) dove ci sarà la visita a un apiario. Dalle 9.30 alle 12 «Il mondo delle api: creare riciclando», laboratorio gratuito per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni nel giardino della canonica, con obbligo di iscrizione all’Ufficio turistico. Alle 10 laboratorio didattico per illustrare la vita nell'alveare che sarà ripetuto anche alle 16, aperto a bambini e adulti. Stand gastronomici in funzione da mezzogiorno con gnocchi di malga e specialità locali e dalle 14.30 inizio del concorso «La torta Regina» vincolato alla presenza del miele negli ingredienti (regolamento all’Ufficio turistico). Dalle 15.30 intrattenimento musicale con la Gibierfest Band e alle 17 premiazione del concorso, mentre per tutta la giornata sarà presente con le sue animazioni Antonio il Giullare di Verona. •