videosorveglianza, altri per la lettura targhe In arrivo nove telecamere

Installazione di videocamere
Installazione di videocamere
Renzo Gastaldo 08.07.2018

La Giunta comunale ha dato il via libera all’installazione di altre nove telecamere sul territorio di San Giovanni Lupatoto. Nove nuovi «occhi elettronici» terranno quindi sotto controllo alcune zone, come spiega Maurizio Simonato, assessore comunale alla Sicurezza che con il supporto della polizia municipale ha presentato il provvedimento in giunta. «Le nuove telecamere che andranno ad aggiungersi a quelle già operative per la videosorveglianza sono cinque: saranno installate una a parco del Porto, una a presidio della nuova passerella ciclopedonale dell’Adige, una in via San Sebastiano e due all’incrocio fra via Vendramini e via Garofoli», dice l’assessore Simonato. «Le quattro apparecchiature dedicate invece alla lettura delle targhe troveranno collocazione in via Cavrara, in via Chiesa, in via Palustrella (all’incrocio con via Ca’ Sentieri) e a Raldon nel punto dove da via Legnaghese inizia via della Vittoria» specifica l’assessore. «Queste nuove telecamere danno una risposta immediata al senso di insicurezza dei cittadini. Sono utili per fornire elementi a indagini in corso». Nel provvedimento approvato dalla giunta viene infatti precisato che «sempre più i sistemi di videosorveglianza sono utilizzati dalle amministrazioni come strumento di rassicurazione». Si cita anche il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza che in aprile aveva approvato il progetto di ampliamento del sistema attualmente esistente andando ad individuare in particolare per la lettura targhe i punti non ancora monitorati e che si ritiene opportuno inserire nella progettualità ulteriori postazioni di controllo. Il risultato che ci si prefigge è prevenire e reprimere atti illeciti e garantire alla popolazione maggiore sicurezza in ambito urbano, oltre che reprimere atti di vandalismo e di danneggiamenti al patrimonio pubblico o privato, anche in riferimento a specifiche richieste da parte della locale Stazione Carabinieri e della Questura di Verona nonché gli episodi di abbandono di rifiuti. Le nove apparecchiature elettroniche andranno ad aggiungersi alle diciotto telecamere che già scrutano altrettanti punti del territorio comunale e passano al setaccio le targhe di tutti i veicoli in transito. Le telecamere per la video sorveglianza già funzionanti e sono posizionate in via Monte Ortigara (Casa Novarini), via Don Girardi all’intersezione con via Personi (qui ne sono posizionate due), via Madonnina all’incrocio con via Ca’ dei Sordi, via Monte Comun all’incrocio con via Monte Purga, via Garofoli all’intersezione con via Biasioli, via Damiano Chiesa all’incrocio con via Fratelli Cervi, via Monte Pastello, e via della Vittoria all’incrocio con via Croce. Con le cinque nuove, il numero di obiettivi dedicato alla video sorveglianza del territorio salirà a 12. Grazie alla decisione assunta dalla giunta di implementare con quattro nuove telecamere, i sistemi per la lettura delle targhe salgono invece a 14. Tali apparecchiature identificano gli autoveicoli in transito e quindi permettono di avere un monitoraggio dei movimenti veicolari. Queste particolari telecamere sono dotate di una tecnologia ad alta risoluzione e rapidità di lettura e sono fornite con un software che consente la facile ricerca delle targhe ed altre operazioni senza dover ogni volta dover visionare i filmati. I varchi già dotati del «controllo targhe» sono dieci e sono in particolare via Marconi, via Legnaghese, piazza De Gasperi (incrocio con via Acque), via Scaiole, via Cadidavid, via Battisti, via Garofoli, via Damiano Chiesa e le due uscite della statale Transpolesana. •

Primo Piano
 
Al via il progetto "Il Po d'aMare"

A Zevio e Legnago
le plastiche
"pescate" nel Po

Condividi la Notizia