Solo rifiuti domestici nel fine settimana

Mauro Gaspari
Mauro Gaspari
V.Z.12.07.2018

Da dopodomani, a San Martino Buon Albergo, l’ingresso all’ecocentro di via Meucci nelle giornate di sabato e domenica sarà riservato solo ai privati che conferiscano rifiuti domestici e non più anche alle aziende. La decisione è stata presa dall’assessorato all’ecologia in accordo con la cooperativa La Mattaranetta, che gestisce l’ecocentro, e mira a favorire le famiglie e a scongiurare l’afflusso incontrollato che spesso si era verificato in passato in occasione del fine settimana, cercando con un minor afflusso di controllare meglio il tipo di rifiuti che entrano. Resta invariato l’orario: lunedì, martedì, giovedì e sabato 8-12; domenica 9-12.30; mercoledì, venerdì e sabato 14-17.30. Riferisce il vicesindaco e assessore all’ecologia Mauro Gaspari: «Da un’indagine svolta in collaborazione con Serit e la cooperativa, il servizio dell’ecocentro è molto apprezzato dai cittadini, ma ci siamo resi conto che non tutti coloro che ne usufruiscono sono residenti di San Martino Buon Albergo. Abbiamo così costi generali del servizio maggiori per soddisfare esigenze di cittadini che non sono residenti e di fronte ad alcune criticità abbiamo deciso, in accordo con la cooperativa, di aumentare i controlli». Gli accertamenti sono iniziati in questi giorni, con delle limitazioni all’ingresso dell’ecocentro per consentire agli operatori, che in alcuni casi vengono affiancati anche dagli agenti della polizia locale, di richiedere un documento di identità. «A causa anche della non conformità di alcuni rifiuti conferiti all’ecocentro, che andrebbero smaltiti in maniera diversa a norma di legge, abbiamo aumentato i controlli e la severità del regolamento di servizio», aggiunge Gaspari, «con l’obiettivo di migliorare la raccolta differenziata. Prestiamo massima attenzione a questo tema, pertanto adottiamo tutti i sistemi che ci consentono di ottimizzare la percentuale di differenziazione dei rifiuti». Per migliorare ulteriormente l’efficienza dell’ecocentro, l’assessore sta valutando con l’ufficio tecnico la possibilità di ristrutturare l’area da un punto di vista della logistica e con le altre iniziative, tra cui i controlli con l’ausilio della polizia locale sull’abbandono di rifiuti fuori dell’ecocentro. La scorsa settimana sono stati segnalati sacchetti non conformi nella zona di Palazzo Barbieri, in piazza del Popolo e in via XXVI Aprile, nelle vicinanze della stazione. La polizia locale ha già sanzionato i residenti che avevano abbandonato i rifiuti e l’invito del vicesindaco a tutti è di collaborare segnalando eventuali situazioni di degrado». •

Primo Piano
 
Al via il progetto "Il Po d'aMare"

A Zevio e Legnago
le plastiche
"pescate" nel Po

Condividi la Notizia