Est
Vai a
Vai a

Vaccini, incontro
a quattro
per capirci di più

Una vaccinazione in età pediatrica
Una vaccinazione in età pediatrica (BATCH)
Renzo Gastaldo09.09.2017

Informare le famiglie e chi opera nel settore su quali sono i contenuti delle legge e quali gli adempimenti da affrontare in tema di vaccini.

È questo l’obiettivo dell’incontro pubblico che è stato messo in calendario per giovedì 21 alle 20.30, nel locale teatro Astra su «Vaccini, Decreto Lorenzin: la nuova normativa, calendario vaccinale, obblighi genitoriali».

L’iniziativa è del Comune di San Giovanni Lupatoto in collaborazione con le amministrazioni comunali di Zevio, San Martino Buon Albergo e Buttapietra.

I relatori della serata saranno Luca Coletto, leghista veronese, assessore alla sanità della Regione Veneto, che spiegherà la posizione della Regione nei confronti del decreto, l’attuale situazione vaccinale della popolazione veneta e le eventuali criticità nell’applicazione della nuova norma; Silvia Isidori, magistrato penalista del tribunale di Verona, che definirà gli obblighi imposti dalla nuova norma; Chiara Postiglione, medico del dipartimento prevenzione dell’Ulss 9 Scaligera, che illustrerà gli effetti epidemiologici e i compiti delle strutture sanitarie.

Saranno presenti inoltre i sindaci dei comuni coinvolti, oltre ai dirigenti scolastici di queste realtà, così come il dirigente del ministero dell’Istruzione per il Veneto Stefano Quaglia

«Il recente decreto emanato dal Governo, in base al quale i vaccini obbligatori passeranno da sei a 10, e la posizione presa dalla Regione Veneto, hanno fatto scaturire un dibattito che si alimenta di critiche, paure e ipotesi», dice il sindaco Attilio Gastaldello. «È sorta una serie di interrogativi. Molte famiglie hanno già provveduto a iscrivere a scuola i propri figli, ma quanti di loro sono già in regola col libretto vaccinale? Le aziende sanitarie locali sono preparate per rispondere al meglio e tempestivamente alle richieste? I dirigenti scolastici come dovranno comportarsi di fronte ai casi di bambini non vaccinati?»

«Per fare chiarezza su queste e altre domande che le famiglie si stanno ponendo, abbiamo pensato a questo incontro», continua il sindaco. «Credo sia un’importante occasione per dissipare i dubbi sugli obblighi di ciascuno dei soggetti coinvolti, grazie al contributo di relatori qualificati». «Recentemente la giunta ha approvato una delibera che prende atto del Decreto n. 111/2017 di introduzione di una moratoria, successivamente sospesa, per la consegna dei documenti attestanti i vaccini dei minori che frequentano le scuole del territorio», conclude il primo cittadino, «la giunta lupatotina ha deliberato alcune linee di indirizzo per allineare tutte le scuole dell’infanzia del territorio», chiarisce l’assessore all’istruzione Debora Lerin. «Se una famiglia ha un bambino non vaccinato, deve necessariamente prendere contatti con il distretto per un appuntamento informativo, per stabilire i tempi e l’eventuale calendarizzazione vaccinale. Con questa legge le scadenze sono molto strette, ma le famiglie possono iniziare il loro percorso in linea con i tempi dei distretti sanitari locali. Al 10 di marzo ci sarà un ulteriore controllo, ma dovrà essere data la massima informazione alle famiglie, per evitare l’esclusione dalla scuola dell’infanzia. Mentre i tempi per i minori delle scuole primarie, delle medie e delle superiori fino a 16 anni sono spostati al 31 ottobre 2017 e per loro non esiste l’eventualità dell’esclusione dalla scuola dell’obbligo».

L’assessore Lerin fornisce un dato tutto locale che rende l’idea della situazione.

«All’asilo nido comunale, la cui attività è cominciata all’inizio di settembre, ci sono 44 bambini iscritti», premette l’assessore. «Di questi», puntualizza, «a ieri 26 avevano presentato al documentazione richiesta e una decina dovrebbero presentarla entro lunedì. Gli altri sei piccoli restanti dovranno regolarizzare nei giorni successivi la propria posizione».

Condividi la notizia