Est
Vai a
Vai a

Pd, cambio al vertice
Lascia il segretario
Sabrina Valletta

12.09.2017

Sabrina Valletta, segretario del Partito Democratico locale ed ex assessore della giunta guidata da Federico Vantini, ha rassegnato ieri le sue dimissioni dalla carica ricoperta all’interno del circolo Pd locale.

«Nel luglio 2016, al momento del mio insediamento come segretario, avevo annunciato che sarei stata un segretario pro tempore e che avrei ricoperto l’incarico per il periodo di transizione» spiega Valletta. «Per coerenza con quelle dichiarazioni, ho rassegnato le mie dimissioni».

Al di là delle dichiarazioni, Valletta ha reso note in una lettera inviata a tutti gli iscritti le motivazioni della sua decisione. «Questo ultimo periodo, iniziato dopo le elezioni amministrative del 2016, è stato denso di avvenimenti per il Pd» scrive l’ex segretario. «Quanto successo a livello nazionale è a voi ben noto e non possiamo negare che le tensioni hanno influito anche sulla vita dei circoli territoriali, compreso il nostro».

“Ci siamo spesi» prosegue Valletta. «nella battaglia, purtroppo persa, per il referendum costituzionale. Una seconda sfida, questa invece ampiamente vinta, è stata l’organizzazione delle primarie per l’elezione del segretario nazionale. L’affluenza, anche a San Giovanni è stata alta e ciò mi rassicura sulle possibilità del nostro partito».

«A breve vi sarà la nuova sfida delle elezioni nazionali» conclude l’ex assessore. «e «sarà fondamentale il nostro impegno. Per questo abbiamo ritenuto sia il tempo per aprire, con le nostre dimissioni (con la segretaria si è dimesso l’intero direttivo, ndr), una nuova campagna congressuale del circolo che auspichiamo sia costruttiva». Valletta aveva preso le redini del Pd lupatotino da Andrea Dal Sasso e ha fatto i conti con una serie di lacerazioni nel partito a partire dalla caduta della giunta Vantini. C’è chi vede una possibile discesa in pista anche dell’ex assessore Marco Taietta, sospeso lo scorso anno dal partito in quanto alle elezioni amministrative, pur iscritto al Pd, si era presentato con una lista civica che ha poi appoggiato un altro candidato sindaco.

Taietta era stato poi parzialmente «riabilitato» dalla Commissione regionale di garanzia del Partito Democratico che aveva ridotto la sospensione, facendola terminare alla data del 31 marzo 2017. R.G.

Condividi la notizia