Est
Vai a
Vai a

Gli spettacoli
della sagra
battono la pioggia

Il concerto della banda musicale in chiesa
Il concerto della banda musicale in chiesa (BATCH)
Alessandra Scolari12.09.2017

Si è chiuso con uno splendido spettacolo pirotecnico la 204a edizione della sagra della Madonna della Cintura, influenzata da un tempo non sempre favorevole.

Pioggia e freddo, con temperature scese anche a 13 gradi, hanno condizionato tre serate su sei. Infine, in un clima decisamente piacevole, alcune migliaia di persone si sono riversate in piazza Carlo Ederle per assistere al momento clou, quello dei fuochi artificiali.

La sagra è iniziata con la manifestazione di Telearena, per la prima volta sul palco di piazza Ederle, che ha richiamato moltissime persone, interessate ad assistere alle performance dei nuovi talenti e a vedere dal vivo le candidate miss di Telearena.

Una serata spettacolare e dal clima favorevole, che si è mantenuto nella serata animata dagli «Esquina Caliente» con musica latino americana, ma che non ha tenuto durante quella con il gruppo «Kyras band» Dance R&B Soul Funky, anche se il pubblico è rimasto a ballare e a divertirsi.

Durante la sagra la direzione della banda musicale cittadina, che ha ospitato la Filarmonica Giustino Diazzi di Concordia sulla Secchia di Modena, ha allestito la chiesa per consentire il tradizionale concerto.

Sono state scelte musiche di ispirazione latinoamericana per la banda di Grezzana, mentre la banda ospite ha spaziato nella tradizione operistica.

Moltissimi gli applausi.

La scelta di piazza Ederle per il concerto - anziché piazzetta Due Archi, come nelle edizioni scorse - non è stata della Pro loco, bensì della direzione della banda cittadina, che ha offerto questo concerto alla cittadinanza.

In piazza Ederle anche la discoteca di Radio Studio +, Gli Intoccabili, con Graziano Fanelli e Alex Castellini, a vincere il freddo e il cielo plumbeo ed è stato dato spazio anche ad alcune delle più belle automobili americane, nella quinta edizione di «American Motor Day Verona».

Il momento tradizionale dell’evento è stato però all’uscita della messa delle 11.

Ad accogliere i presenti la banda cittadina e le majorettes che poi sulla pista hanno fatto il loro spettacolo.

In mostra anche i lavori artistici del gruppo di artigiani della Lessinia «La Rengaja» e poi l’aperitivo offerto dalla Pro loco.

Tre le altre manifestazioni organizzate: «Un cuore per il Rally» con la sfilata da Grezzana ad Azzago e ritorno (vedi articolo a destra) con i disabili; al Parco Europa la «Festa del bambino» con gli scout e sul palco «Grezzana in passerella», la sfilata di moda offerta dai commercianti del comune, apprezzata da un attento e numeroso pubblico.

Serata poi ancora fredda, riscaldata dall’orchestra Roberta Band. Nell’ultima giornata preso d’assalto il luna park (stracolmo fino a tardi) e molte persone in piazza Ederle (adeguatamente vestite), per mangiare e ballare.

Si è iniziato alle 20 con la «baby dance», per finire puntuali alle 23,45 con i Prima Pagina, quindi i ringraziamenti a tutti e la soddisfazione degli organizzatori. Per finire con il ricordo di Roberto Piazzola (deceduto due anni fa) con la canzone di Lucio Battisti «Un’avventura».

Poi tutti con il naso in su per vedere i fuochi artificiali.

Buona risposta anche sotto il profilo della solidarietà. Soddisfatte le signore della Caritas, che come ogni anni hanno venduto le torte, preparate e offerte dalle donne del paese: il ricavato andrà alle famiglie in difficoltà.

Anche la pesca di beneficenza, quest’anno chiamata «Gioca per gioco», ha dato buoni risultati: con il ricavato verrà acquistato il nuovo castello da inserire nel rinnovato giardino della scuola dell'infanzia e nido integrato «Arcobaleno» di Grezzana.

L’appuntamento per tutti è al prossimo anno.

Condividi la notizia