Gioco di ruolo in tema horror Tutti in hotel

L.B.20.08.2018

Si potranno rivivere da protagonisti l’atmosfera e le situazioni di Shining la pellicola di Stanley Kubrick, icona dei film horror. La location di questa esperienza sarà il Montresor Hotel Tower di Bussolengo, non il disabitato Overlook, il grande albergo sperduto tra le montagne del Colorado dove, nel film, Jack, Wendy e il piccolo Denny vissero la loro tragedia. «È il Phobos Hotel Experience, un gioco di ruolo in tema horror che si svolgerà nel nostro hotel mercoledì, giovedì e venerdì prossimi», sottolinea Luca Montresor albergatore e appassionato del genere horror. «Lo scopo di questo gioco, cui ci si può iscrivere collegandosi al sito internet www.phobos-group.com, è scoprire l’identità e dove si nasconde chi ha fatto sparire nel nulla decine di clienti dell’albergo, ma anche cercare in tutti modi di evitare di non diventare le prossime vittime». «Questa speciale “caccia al tesoro”», prosegue Montresor, «si svolgerà tutta nei vari ambienti dell’hotel, dagli scantinati all’attico del tredicesimo piano. Sarà un’esperienza unica e affascinate per gli amanti del genere», assicura Motresor. «L’ambientazione sarà molto curata e realistica. La stanno preparando esperti del settore che lavorano anche sui set dei film horror. Saranno impegnati pure dodici attori professionisti che accompagneranno i giocatori nella loro avventura. Questa iniziativa è la prima del genere in assoluto organizzata in Italia». «I giochi di ruolo funzionano e sono un buon affare», afferma Montresor, «che è anche titolare della Phobos Group, società che gestisce a Bussolengo anche l’Horror Real Escape Game, che si trova all’interno dello Shopping Center di via San Rocco, dove funzionano quattro Escape Room con altrettante ambientazioni diverse: Blood, Maniac, Pain Park e Mansion. «In queste quattro sale registriamo oltre diecimila presenze all’anno», aggiunge Montresor. «Sono in crescita esponenziale i team bulding richiesti dalle aziende che mandano il loro dipendenti a provare questi giochi del terrore per “fare squadra”. Questa attività impegna a tempo pieno sei dipendenti e un manutentore. Stiamo cercando anche un edificio idoneo per allestire un’autentica casa dell’Horror cioè una grande Escape Room», prosegue. «Questo è un lavoro molto creativo in continua evoluzione ed anche molto impegnativo, tutto deve essere sempre sotto controllo per garantire la massima sicurezza. Ai clienti si devono proporre nuove esperienze sempre coinvolgenti ed emozionanti. Per questo», conclude. «serve tanta immaginazione e creatività proprio come un regista cinematografico». •

Primo Piano
 
Convegno internazionale a Venezia

Non solo rughe
Botulino per
ricostruire il viso

Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia
 
Il sindaco di San Martino Buon Albergo

Esplosione
«I migranti
non c'entrano»

Condividi la Notizia