Fogassa doc: l’allieva supera la maestra

Le «maghe» della «fogassa»: da sinistra Luigina Pachera, Monica Buscardo, Vittoria Pachera
Le «maghe» della «fogassa»: da sinistra Luigina Pachera, Monica Buscardo, Vittoria Pachera
S.B.23.08.2018

È proprio il caso di dire di dire che l'allieva ha superato la maestra. In questo caso parliamo di maestre della «fogassa sulla gradela», un dolce povero legato alla tradizione contadina. Monica Buscardo si è aggiudicata il primo posto per la sua «fogassa» che ha avuto il massimo punteggio dalla giuria. Monica è figlia di Vittoria Pachera, nativa di località La Mata. Ed è proprio alla Mata che è nata, all’inizio quasi per scherzo, la «voglia» di confrontarsi fra parenti nel realizzare la miglior «fogassa sulla gradela». E lo scherzo è diventato presto una bella iniziativa che ha radunato anche quest'anno in collina, con una vista meravigliosa del lago, una quindicina di concorrenti che hanno impastato più di venti chili di fogassa. Oltre a duecento spettatori e assaggiatori, decisi a non perdere un evento così particolare. «Siamo al quinto appuntamento», spiega il presidente della giuria Gianni Faccioli, «e La Mata è diventata davvero un ritrovo per moltissimi estimatori di questo prodotto casalingo che ricorda i sapori di una volta». «Questa volta sono arrivata terza su quindici concorrenti», spiega Vittoria Pachera, «e mia figlia mia ha sorpassato. Un buon segno. Si vede che ho insegnato bene» Seconda classificata Luigina Pachera. «Seguo la tradizione di famiglia», spiega fra il soddisfatto e il commosso Luigina. «Ho visto con grande soddisfazione che la mia torta è andata a ruba». «È stata proprio una grande festa fra amici, parenti, conoscenti», spiega soddisfatto Franco Pachera, il vero patron de La Mata, «e la fogassa è stato un bel tirante. Ma i partecipanti hanno mangiato anche duecento panini e tre grossi salami. E le bottiglie di vino non le ho proprio contate». Fra tanta gente anche l'assessore alle manifestazioni Elena Buio. «È stata una bella gara e le torte che ho assaggiato erano davvero sopraffine. Bravissime tutte le concorrenti». •