Va a caccia e sparisce nei boschi con il suo cane

Matteo Confente, 26 anni durante una battuta di caccia
Matteo Confente, 26 anni durante una battuta di caccia
A.V.08.10.2018

Sparito durante una battuta di caccia, inghiottito dal nulla. E con lui anche il suo cane. Ieri, nel tardo pomeriggio, la prefettura ha attivato il protocollo per la ricerca di persone scomparse. All’appello manca un giovane residente a Brognoligo, 26 anni. Con gli amici era andato a fare una battuta di caccia al mattino, aveva sentito i familiari e aveva evidenziato che la giornata non era molto fruttuosa. Poi con gli amici aveva deciso che lui sarebbe rimasto fermo in località Cattignano di San Giovanni Ilarione, nell’Est veronese, e gli altri avrebbero battuto la zona attorno. Ma poi di lui, nessuna traccia. Così gli amici dopo aver cercato per qualche tempo, aver telefonato ai familiari del giovane per sapere se si fosse fatto vivo nel frattempo hanno lanciato l’allarme. La cosa ancor più inquietante è che era sparito lui, ma anche il suo cane. Da Verona e Caldiero sono partite le squadre dei vigili del fuoco, si sono ritrovate assieme ai carabinieri, davanti alla stazione di San Giovanni Ilarione, e poi con i volontari di protezione civile sono iniziate le ricerche che si sono concentrate in località Rancani di Tregnago in val d’Illasi. Il giovane ha una moglie, Mia Dukoli che attende un bambino, e anche lei aveva fatto qualche giornata di caccia assieme al marito fino a quando il pancione glielo aveva concesso. Le ricerche dei soccorritori sono andate avanti fino a notte anche con l’aiuto di un drone munito di termocamera per rilevare il calore del corpo umano, in dotazione ai vigili del fuoco di Trento. Riprenderanno stamattina, la zona è molto impervia. •