Est
Vai a
Vai a

All’appello si risponde
nella casa parrocchiale

La casa parrocchiale San Giovanni Paolo II
La casa parrocchiale San Giovanni Paolo II (BATCH)
Zeno Martini13.09.2017

Per i circa 200 alunni della scuola media Antonio Pisano la prima campanella del nuovo anno scolastico, oggi, suonerà nella casa parrocchiale San Giovanni Paolo II, in corso Alcide De Gasperi, e non nel plesso scolastico di viale Conti Da Prato.

La casa parrocchiale è stata concessa al Comune dalla parrocchia e dalla curia per permettere all’impresa Cementi System di compiere i lavori di efficientamento energetico della scuola, interventi che consistono nel rivestimento esterno con cappotto coibentante dell’edificio, nel rifacimento dell’impianto di riscaldamento che sarà radiante, a pavimento. Sarà sostituito anche l’impianto di illuminazione con luci a led e saranno cambiati i serramenti. Inoltre verrà istallato sul tetto un impianto fotovoltaico da 25 chilowatt di potenza.

«I lavori interesseranno anche la palestra della scuola media, che ospita le attività pomeridiane e serali di alcune discipline ed attività sportive», fa presente il sindaco, Marcello Lovato. «L’opera di efficientamento energetico dell’edificio scolastico, beneficia di un contributo europeo erogato dalla Regione. Il progetto si è classificato al nono posto tra tutti quelli presentati a livello regionale ed è stato approvato dalla precedente amministrazione Molinaroli, che ha avuto la lungimiranza di investire sulle scuole, in modo significativo».

Complessivamente l’importo dei lavori ammonta a 760 mila euro, l’80 per cento del quale è coperto dal contributo regionale attinto dai fondi europei per 608 mila euro. Il rimanente della spesa, il 20 per cento, viene coperto con fondi propri dell’amministrazione: 76.800 sono previsti nel bilancio di quest’anno e i rimanenti 75.200 nel bilancio dell’anno prossimo. Il progetto è stato predisposto dello Studio Project di Rovigo.

«I lavori permetteranno di avere una sede scolastica più salubre per insegnanti e ragazzi», spiega il sindaco, «e di ridurre i consumi. I disagi per personale scolastico, docenti e studenti dureranno alcuni mesi».

PER GARANTIRE AGLI SCOLARI e al personale docente e non docente di entrare e uscire dalla casa parrocchiale in tutta sicurezza, via Caduti del Lavoro è diventata a senso unico e vi si potrà accedere da dietro il municipio, da via Alighieri. «Sarà garantito un servizio di vigilanza all’entrata e all’uscita degli alunni, per evitare problemi di traffico e contrastare chi corre e supera i limiti di velocità transitando da corso De Gasperi», riferisce Lovato.

La dirigente scolastica Donatella Mezzari ha comunicato agli insegnanti e ai genitori degli alunni della scuola media gli orari di entrata ed uscita dalle aule della Casa parrocchiale, per maggiore sicurezza: gli alunni entreranno dall’ingresso secondario dell’oratorio, posto in via Caduti del Lavoro, alle 7,55, passando poi dal cortile della casa parrocchiale; usciranno alle 13 dall’ingresso principale, su corso De Gasperi. Gli scolari che usufruiscono dello scuolabus, saranno assistiti da un collaboratore scolastico: scenderanno a saliranno dal pulmino sempre da corso De Gasperi.

LA NUOVA amministrazione, eletta lo scorso maggio, sta predisponendo inoltre un progetto per mettere a punto interventi complementari al fine di ammodernare la scuola media, entro il 2019. Conclusi gli interventi alla scuola media, nella tarda primavera del 2018 si procederà all’efficientamento energetico anche del vecchio plesso della scuola elementare Carlo Ederle, ma in questo caso non servirà il trasferimento degli alunni. L’intervento alla scuola elementare sarà concluso per il settembre del 2018.

Nel frattempo si stanno concludendo i lavori di efficientamento energetico pure del palazzo municipale, iniziati la scorsa primavera, che hanno previsto la sostituzione di tutti i serramenti, la coibentazione delle pareti dell’edificio e l’installazione dell’impianto di condizionamento dell’aria in tutti gli uffici.

Condividi la notizia