Una studentessa:
«Pestata fuori
dalla discoteca»

Una volante della polizia durante un controllo all'Alter Ego
Una volante della polizia durante un controllo all'Alter Ego
A.V.21.09.2018

Frattura al margine inferiore del dente canino con ulteriore frattura all’apice della radice (con possibile futura perdita totale del dente), abrasione zigomo mandibolare destro, ferita superficiale al labbro destro, abrasione ginocchio destro e contrattura muscolare cervicale.

 

Prognosi 25 giorni, salvo complicazioni. Non è il bilancio di una caduta dal motorino o di un investimento, ma quello di un’aggressione che una ventitreenne studentessa veronese in Scienze zootecniche ha denunciato domenica, dopo essere stata presa di mira nel parcheggio della discoteca sulle Torricelle, l’alter Ego. La ragazza, Sara Marzari, era con un’amica alla discoteca, e verso le 5.30, quando il locale stava per chiudere si è scatenata l’aggressione.

 

Tutto è nato dopo un'incompresione con un gruppo di altre ragazze, alle quali poi si sono avvicinate per chiarirsi.

«Un loro amico credendo che stessimo litigando e non che ci stessimo spiegando ha iniziato a spingere la mia amica dicendole di lasciar stare le sue amiche e mentre lei lo esortava a levarle le mani di dosso, lui le ha tirato un pugno in faccia. Vedendo la situazione mi sono precipitata verso di lui bloccandolo in modo la lasciasse stare; a quel punto un suo amico mi ha bloccata permettendo all’altro ragazzo di darmi un pugno in faccia per poi scaraventarmi per terra», dice Sara. «Dal momento in cui mi sono rialzata ho visto le due ragazze corrermi incontro e spingermi nuovamente per terra, per poi correre verso la macchina e in seguito scappare»