Rapina in sala slot
Impugna la pistola
e si fa dare i soldi

Il locale dove è stata messa a segno la rapina DIENNEFOTO
Il locale dove è stata messa a segno la rapina DIENNEFOTO
18.02.2019

Chi stava giocando alle slot machine non si è praticamente accorto di nulla. Ovvero di quell’uomo che ieri mattina alle 11.40, con il volto coperto e impugnando una pistola, ha minacciato la barista del Lucky Games a Vallese di Oppeano. Senza dire una parola è passato dietro al bancone, ha aperto la cassa e prelevato il contenuto. Velocissimo al punto da rendere impossibile qualsiasi reazione, il fatto che impugnasse un’arma (non è chiaro se fosse o meno una pistola giocattolo) ha giustamente paralizzato la dipendente e il rapinatore solitario se n’è andato senza dare nell’occhio.

 

Colpo in pieno giorno nel locale che si affaccia su via Spinetti, la strada che costeggia la 434, e che prosegue fino a Campagnola di Zevio. Non vi sarebbero testimoni e non sarebbe ancora stato quantificato l’importo sottratto e della vicenda sono stati informati i carabinieri di Oppeano. In sette mesi la sala slot, seppur con modalità completamente diverse, è stata presa di mira due volte dai rapinatori.