Prigionieri in coda sulla tangenziale. «In che macchina sei, ci facciamo un caffè?»

 
Riccardo Verzè05.12.2018

L'incidente fra cinque mezzi che questa mattina ha paralizzato Verona Sud e causato il ferimento lieve di una donna, ha suscitato polemiche e ironia sulle condizioni quotidiane della tangenziale Sud.

Oggi è stato un camion in fase di sorpasso a tamponare un'auto, che a sua volta ne ha coinvolte altri quattro, ma piccoli e grandi incidenti sono all'ordine del giorno in quel tratto di superstrada, in particolar modo in prossimità dell'uscita di Borgo Roma.

La gente è rimasta anche oltre un'ora ferma in coda (auto ferme da Verona Est fino a Borgo Roma, con ricadute sulla 434) e in molti hanno commentato sulla nostra pagina Facebook.

 

«QUEL TRATTO È UN INCUBO QUOTIDIANO»

In molti chiedono aggiornamenti sull'evoluzione della coda, in tanti invitano a «guidare senza guardare i cellulari», mentre c'è chi come Davide denuncia: «Girare in tangenziale o a Verona sud è diventato un incubo grazie anche alle incompetenti amministrazioni comunali che invece di trovare soluzioni per alleggerire il traffico lo hanno ulteriormente incasinato con svincoli di tangenziale in posti assurdi (via Mezzacampagna) o centri commerciali in zone dove non si sarebbe dovuto costruirli (Adigeo, Briko) Borgo Roma è diventata una camera a gas!!»

Anna: «Almeno questo l'ho schivato! ma è d'obbligo dire che è una strada estremamente pericolosa. La devo fare tutti i giorni per andare al lavoro (da Vago a Borgo Roma, il pezzo peggiore) e nell'ultimo periodo mi fa paura. Camion e auto che si immettono da ogni lato...». Aggiunge Simone: «Tangenziale che andando verso Bussolengo si riduce in alcuni tratti a una corsia...ma come si fa.....si crea un imbuto ....e code code code.....bravo il progettista...cosi non serve a niente....o la fai fatta bene se no non serve». E ancora:  «Tangenziale da incubo.....distanze di sicurezza e limite di velocità inesistenti...e nonostante ciò nessun provvedimento utile...solo tutti i giorni fermi».

«Non si può perdere una giornata intera in tangenziale», denuncia Giulia, mentre in tanti lamentano di essere in ritardo al lavoro o di aver perso appuntamenti importanti.

 

 

RIDIAMO PER NON PIANGERE

C'è chi lamenta di «dover fare la pipì», ci sono due ragazze che si scrivono fra i commenti: «Ma sei anche tu in coda? In quale macchina sei? Ci beviamo un caffè?».

E mentre finalmente dopo oltre un'ora il traffico ricomincia a scorrere, Marco riassume il pensiero di molti: «Per fortuna che da fine mese non dovrò più fare la tangenziale sud...è diventato un incubo, sia al mattino che alla sera».

CORRELATI