Nuova allerta Pm10:
stop per 3 giorni
ai diesel Euro 4

Polveri sottili, stop a diesel Euro 4
Polveri sottili, stop a diesel Euro 4 (Ric)
18.02.2019

Da domani, martedì 19 febbraio fino a giovedì 21, scatta il divieto previsto per il raggiungimento del livello di allerta 1 – arancione per lo sforamento del livello di Pm10 in città, dovuto alle condizioni meteo di alta pressione che stanno interessando tutta la Pianura Padana.

 

Da domani, quindi, dalle 8.30 alle 18.30, non potranno circolare i veicoli privati diesel EURO 4, esclusi i mezzi di trasporto pubblico. L’allerta è scattata per tutte le città del Veneto, ad esclusione di Belluno. Blocco dei diesel Euro 4 quindi anche nei Comuni e nelle province di Venezia, Padova, Vicenza, Treviso e Rovigo. Nell’agglomerato di Verona il provvedimento interessa, oltre al capoluogo, i Comuni di Bussolengo, Buttapietra, Castel d’Azzano, Fumane, Grezzana, Lavagno, Mezzane di Sotto, Negrar, Pescantina, San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo, san Pietro In Cariano, Sommacampagna, Sona, Villafranca di Verona, oltre a Legnago e Bovolone che aderiscono volontariamente all’Accordo del Bacino Padano.

 

LE ALTRE REGIONI. Per effetto del meteo, superati i livelli di pm10 anche in Emilia Romagna, in Lombardia e in Piemonte. Come da Accordo di Bacino Padano, è previsto il divieto di circolazione per le vetture diesel Euro 4 anche in queste regioni. In Emilia Romagna, i maggiori Comuni fermi sono Bologna, Reggio Emilia, Parma, Modena, Piacenza, Ferrara, Ravenna, Imola, Riccione. In Lombardia, tra le principali città bloccate, Milano, Varese, Pavia, Cremona, Vigevano, Busto Arsizio, Lodi, Monza. In Piemonte, allerta arancione e quindi blocco auto diesel Euro 4 nell’agglomerato di Torino e Comuni contermini, oltre che nelle giornate di Alessandria, Vercelli, Ivrea, Biella, Asti.

 

Per Verona è il secondo periodo di allerta arancione dall’inizio dell’anno. La prima, il mese scorso, con il blocco degli Euro 4 dall’11 al 17 gennaio.