Maratona e mercatini, piano sicurezza

Misure di sicurezza per la maratona di novembre e per il grande pubblico ai mercatini
Misure di sicurezza per la maratona di novembre e per il grande pubblico ai mercatini
Enrico Santi 11.10.2018

Archiviata l’estate, anche se le temperature di questi giorni farebbero pensare il contrario, si comincia già a pensare alla gestione degli eventi che precederanno le feste natalizie. A partire dai tradizionali mercatini e dall’appuntamento con la maratona. Ieri, in prefettura c’è stato un primo esame per arrivare ad un programma condiviso con le forze dell’ordine per prevenire eventuali criticità legate soprattutto all’affluenza di visitatori e sportivi. IL PRIMO APPUNTAMENTO con i grandi eventi è, quindi, quello del 16 novembre con l’apertura dei mercatini di Natale. L’anno scorso l’iniziativa si era chiusa dopo aver registrato quattro milioni di visitatori. Un afflusso che richiede uno sforzo organizzativo non indifferente. L’amministrazione comunale, alla riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica era rappresentata dal vicesindaco Luca Zanotto. «Quella dei mercatini natalizi», commenta, «è una manifestazione che si allarga sempre di più fuori dai confini tradizionali di piazza dei Signori, da San Zeno a lungadige San Giorgio». Al Comune, in particolare, prefetto e responsabili delle forze dell’ordine hanno raccomandato un monitoraggio costante di piazza dei Signori in modo da poter intervenire, anche con una chiusura della piazza, in caso di sovraffollamento. «Il contatore automatico di presenze, introdotto lo scorso anno», fa sapere Zanotto, «è lo strumento fondamentale per ottemperare a questa prescrizione». DUE GIORNI DOPO l’esordio dei mercatini, alle 9 di domenica 18 novembre da piazza Bra partirà la «Volkswagen Verona Marathon». Quella che si correrà quest’anno sarà la diciassettesima edizione. L’ultima era stata archiviata con numeri da record. L’anno scorso i partecipanti erano stati quasi 11mila, con poco meno di settemila atleti iscritti alle due «agonistiche» e l’apporto di oltre quattromila della «Last 10» amatoriale. Per la prima volta la manifestazione sportiva era stata patrocinata dall’Unesco. Quest’anno, finora, gli iscritti sono 1.761. ANCHE QUEST’ANNO sono quindi previste misure di sicurezza. Alla partenza e all’arrivo gli accessi a piazza Bra saranno protetti da uno sbarramento di camion e furgoni, necessità imposta dalla prevenzione antiterrorismo per eventi ad alto afflusso di persone. La giornata si era conclusa, inoltre, con un bilancio di dieci auto rimosse dalla polizia municipale. Il percorso di gara, l’anno scorso, era stato chiuso al transito dei veicoli dalle 8 alle 15, con attraversamenti possibili per esigenze urgenti o di emergenza quando non c’era passaggio di atleti e in corrispondenza di incroci vigilati, sempre previa autorizzazione degli agenti o del personale della manifestazione. La polizia municipale, inoltre, aveva chiesto ai residenti di lasciare le auto all’esterno del circuito di gara consentendo l’uscita dai passi carrai fino alle 8,45. Nel corso della riunione in prefettura si è inoltre fatta una ricognizione sulle criticità, segnalate soprattutto da cittadini e residenti, in una mezza dozzina di strade o piazze cittadine. «Il prefetto Mulas e i responsabili delle forze dell’ordine», commenta il vicesindaco, «ancora una volta hanno dimostrato competenza e grande spirito di collaborazione». •