«In tre anni sistemeremo sessantamila tombini»

E.G.07.11.2018

A Verona c’è un tombino ogni quattro residenti. «Già, le caditoie sono sessantamila», dice il presidente dell’Amia, Bruno Tacchella, «e in base al nostro documento economico puntiamo a sistemarne ventimila all’anno, partendo da quelli più urgenti. Se però il tombino fa il suo lavoro, ma i tubi collegati no e quindi acqua, terra e foglie si bloccano, è inutile sostituirli», aggiunge. E quindi? «Serve una mappatura ben fatta sulla rete fognaria e sui tombini nell’intero territorio comunale», puntualizza Tacchella, «e quindi Amia, Acque Veronesi e Comune devono attivare un tavolo per programmare gli interventi e i finanziamenti necessari. Diversamente, si rischia di perdere tempo e risorse e di non agire in maniera corretta». Anche perché ormai, come ricorda Umberto Anti, direttore tecnico di Acque Veronesi, «questi violenti acquazzoni e addirittura temporali scaricano grandi quantità di pioggia in pochissimo tempo e sono sempre più frequenti. Quindi bisogna avere caditoie e reti fognarie efficienti. Le nostre sono trentennali e vanno aggiornate».

Primo Piano
A Garda, "Gerbera Gialla" contro la mafia
 
Investimenti sospetti sul Garda

La mafia russa
fa shopping
nel basso lago

Condividi la Notizia
 
Sboarina a Roma col presidente Xi Jinping

Verona gemellata
con Hangzhou
Venerdì la firma

Condividi la Notizia
 
A San Pietro di Legnago

Rubava creme
al supermercato
Arrestata

Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia