Brad Mehldau
l'icona jazz
suona al Ristori

Brad Mehldau (foto E.Leitzell)
Brad Mehldau (foto E.Leitzell)
12.02.2018

Giovedì 15 febbraio al Teatro Ristori un appuntamento  con il grande talento pianistico Brad Mehldau, un’icona del jazz mondiale. L’artista di Jacksonville presenterà per la prima volta in Italia, il suo ultimo progetto “Three pieces after Bach” per pianoforte solo, la cui ispirazione arriva da uno dei capolavori riconosciuti della grande musica, Il clavicembalo ben temperato di Johann Sebastian Bach.

 

Il prossimo appuntamento con il JAZZ al Teatro Ristori sarà martedì 13 marzo con un’altra icona del JAZZ americano, lo straordinario saxofonista Joe Lovano, che condividerà il palcoscenico con Antonio Faraò pianoforte, Pietro Ciancaglini basso e Roberto Gatto batteria. Lovano fida e spinge inesorabilmente le sue idee concettuali e tematiche in una ricerca di nuovi modi di espressione artistica e di nuovi modi per definire il concetto di jazz. Lovano ha vinto numerosi premi assegnatigli dalla critica più accreditata internazionalmente. Ha pubblicato 23 album celebrati sull’etichetta Blue Note con gli ultimi tre focus sul suo quintetto, Us Five.