Verona-Legnago,
altra aggressione:
sputi all'autista Atv

La linea 144
La linea 144
Stefano Nicoli 11.03.2018

Ha invitato due giovani stranieri, saliti su un bus dell’Atv alla fermata di Porto di Legnago, ad esibire il biglietto o l’abbonamento. Entrambi, però, ne erano sprovvisti e non avevano alcuna intenzione di acquistare il ticket. E così, mentre scendevano a terra lanciando sguardi di sfida, uno dei due ha pensato di farla pagare al malcapitato autista, la cui unica colpa è stata quella di fare il proprio dovere. Tanto da sputargli addosso prima di darsela a gambe assieme al suo amico.

 

AGGRESSIONI CONTINUE. La linea 144, che collega Verona al capoluogo della Bassa, continua a venire a messa a dura prova da baby gang.

Alle due aggressioni registrate alla fermata di via Garibaldi, a Bovolone - la prima, il 13 febbraio, ai danni di un 41enne, strattonato ed insultato da un minorenne; l’altra lunedì scorso a spese di un suo collega 52enne, picchiato da quattro giovani e finito al Pronto soccorso con il setto nasale fratturato - giovedì se ne è dunque aggiunta una terza.

E sulla linea  146 venerdì sera, alla fermata da Marchesino, un autista è stato costretto a far intervenire i carabinieri di Nogara dopo che due passeggeri, già noti al personale Atv, hanno dato vita ad accese proteste dopo che avevano esibito un biglietto di tariffa di gran lunga inferiore a quello previsto per la loro destinazione abituale

CORRELATI