Si attende il nulla osta per l’addio ai due fidanzati

Sergio Sandrolini Cortesi e la sua fidanzata Giulia Signorini
Sergio Sandrolini Cortesi e la sua fidanzata Giulia Signorini
RI.MI.03.07.2018

Una distrazione fatale o un colpo di sonno. Sono queste le ipotesi più accreditate per dare una spiegazione al terribile incidente stradale in cui sabato scorso, in via Paglia a Gazzo, hanno perso la vita Sergio Sandrolini Cortesi di 28 anni e la sua fidanzata Giulia Signorini di 25. É stato infatti appurato che il conducente della Golf che ha investito in pieno la moto Yamaha guidata dal giovane ferrarese non aveva assunto alcool o droghe al momento dell’impatto. In caso di positività al test, per N.P., il 21enne residente a Lugagnano di Sona e operaio in una azienda di Nogara, sarebbe scattato l’arresto per omicidio stradale. Amici vicini al giovane riferiscono che il ragazzo è ancora molto sconvolto per quanto successo. Durante le fasi immediatamente successive all’incidente, il 21enne si sarebbe reso subito conto della tragica fine del conducente della moto al punto da sentirsi male. I familiari del ragazzo stanno cercando di assicurargli un supporto psicologico per consentirgli di superare la fase di disperazione per quanto successo ai due fidanzati ferraresi. Le famiglie di Sergio e Giulia, intanto, sono chiuse nel loro profondo dolore e attendono il nulla osta per dare l’ultimo saluto alla coppia, che sabato mattina era partita da casa per una gita sul lago di Garda. Nel frattempo, i sindaci di Gazzo, Stefano Negrini, e di Nogara, Flavio Pasini, stanno facendo pressione su Anas e Regione per ottenere la sospirata rotonda sulla statale 12 che servirebbe almeno da deterrente per l’alta velocità in località Paglia.