West Nile, sterminate le larve delle zanzare

Una zanzara «Culex»: a Bovolone la disinfestazione è efficace
Una zanzara «Culex»: a Bovolone la disinfestazione è efficace
Roberto Massagrande 28.08.2018

Una conferma che la disinfestazione contro la zanzara funziona arriva da Bovolone. Il controllo eseguito a campione su una trentina di tombini ha dimostrato infatti che la prevenzione larvicida dà i risultati sperati. Il dato, comunicato in municipio lo scorso 16 agosto, è stato pubblicato sul sito internet del Comune. Ad inviarlo è stato il Servizio Veterinario Igiene Urbana Animale dell'Ulss 9 Scaligera, che ha trasmesso le verifiche effettuate dal consulente tecnico della stessa Ulss 9 relativamente ai programmi di disinfestazione posti in essere dal Comune. In paese, il servizio è stato affidato alla ditta Servizi Ecologici (I.S.E.) di Noventa di Piave (Venezia). La Giunta del sindaco Emilietto Mirandola ha stanziato in un primo momento 1.800 euro aggiungendone poi altri 2.000 per interventi mirati da effettuare in caso di contaminazioni da virus West Nile. Contagi che, almeno per il momento, non si sono fortunatamente registrati in paese. Eventuali rimanenze verranno usate per la prevenzione ordinaria. La certificazione è stata fatta dal responsabile dell’ufficio Prevenzione dell’Ulss 9, Stefano Adami, ed è consultabile online: vi si trovano elencate le singole caditoie controllate, 28 in tutto, evidenziate anche su una mappa allegata alla documentazione. La verifica, fatta su un campione casuale lo scorso 7 agosto, mirava a valutare il livello di infestazione larvale. L'indagine si è concentrata sui tombini con acqua, 23 su 28 (cinque erano a secco), e le analisi non hanno riscontrato larve: la percentuale era infatti pari a zero. Un risultato ben al di sotto quindi della percentuale massima prevista dal Piano regionale vettori del 2018, che è pari al 10 per cento. Un esito che dovrebbe spingere ad un uso più intenso e diffuso anche delle confezioni di pastiglie biologiche antilarvali, che da due anni vengono distribuite alle famiglie, in modo da creare una sinergia tra pubblico e privato. Il prodotto scelto è il «Vectobac dt» della ditta Bleuline srl: un preparato biologico, a base di bacillus thuringiensis var. israelensis, dotato di azione selettiva nei confronti delle larve di zanzara e formulato in pastiglie effervescenti pronte all'uso. Il Vectobac, essendo un prodotto totalmente biologico, è selettivo per le sole larve di zanzara e pertanto non interferisce in alcun modo con il resto della fauna acquatica. •

Primo Piano
 
Condividi la Notizia
 
Sul sentiero per il Fraccaroli

Cade sul Carega,
trovata morta
il giorno dopo

Condividi la Notizia