Controlli e una app
Autostrade pronte
per l'esodo estivo

Traffico estivo in autostrada
Traffico estivo in autostrada
Luca Fiorin13.06.2018

Un piano per l’estate. La società autostradale Brescia-Padova da questa settimana ha attivato una serie di misure volte ad affrontare l’aumento di traffico che normalmente si verifica nel periodo compreso fra gli inizi di giugno e la metà di settembre. «Una situazione che in particolare interessa il casello di Peschiera, dove nei fine settimana si arrivano a registrare 16mila uscite, a fronte delle circa 10mila abituali», spiegava ieri il direttore generale della società autostradale Bruno Chiari, in un incontro svoltosi a Marghera, Venezia.

 

La conferenza era stata indetta per presentare un’app per smartphone e tablet realizzata congiuntamente dalle società Brescia-Padova, Cav e Autovie Venete. Un’applicazione, il suo nome è Infoviaggiando, con la quale è possibile avere in tempo reale informazioni sulla situazione del traffico sulla rete autostradale che va da Brescia sino a Trieste. Oltre a questo, però, le tre aziende hanno anche illustrato le azioni che hanno approntato per l’estate. «Per snellire il traffico all’uscita di Peschiera, abbiamo previsto una maggiore presenza di personale alle casse, con al massimo quattro addetti in contemporanea nei momenti di picco», ha spiegato Chiari. Inoltre, la società ha attivato un più intenso pattugliamento dell’autostrada ed avviato convenzioni con autofficine che garantiscono interventi diretti ogni 10 chilometri per i veicoli leggeri ed ogni 30 per quelli pesanti.

 

D’altronde, l’aumento dei veicoli nei fine settimana diretti al lago, in montagna, o provenienti dal Garda, può ripercuotersi anche sul casello di Sommacampagna, anche se l’azione della Polstrada volta a garantire un buon scorrimento all’incrocio fra A4 e Brennero-Modena solitamente riesce a ridurre i disagi. In estate, invece, non dovrebbero manifestarsi i problemi che da mesi si ripetono il sabato e la domenica pomeriggio all’uscita da Verona Sud, a causa del traffico diretto all’Adigeo.

 

Sui 235 chilometri della Brescia-Padova e della Valdastico, nel primo quadrimestre del 2018 sono transitati circa 35,5 milioni di veicoli, il 2,38 per cento in più rispetto allo scorso anno, di cui otto dovuti al traffico pesante. Per quanto riguarda maggio, poi, si parla di un’ulteriore crescita del 2,5 per cento. Nei mesi di luglio ed agosto, quindi, i cantieri verranno sospesi nei fine settimana e saranno disponibili di norma 20 furgoni di ausiliari della viabilità, per un totale di 40 addetti, 14 fra veicoli e carrelli dotati di pannelli per la segnalazione delle code ed ulteriori 10 addetti della manutenzione. A questo va aggiunta la presenza costante della Polstrada, oltre che dei vigili del fuoco e del Suem 118. Tutta l’attività viene coordinata dal Centro operativo viabilità, che è situato nella sede di Verona di A4 Holding, in cui convergono le informazioni provenienti da 236 telecamere per il rilevamento automatico degli incidenti, 29 sensori di traffico, 259 colonnine Sos e 24 impianti di rilevazione meteo.

Primo Piano
Esercitazione a Caluri (foto Pecora)
 
 
Esercitazione dell'aeronautica militare

Attacco chimico
A Caluri si simula
l'emergenza

Condividi la Notizia
 
Un anno e opzione per il successivo

Firmato l'accordo
Andrea Amato
resta a Verona

Condividi la Notizia