Setti: «Il Verona avrà stadio e centro sportivo. Mantova? Un satellite»

Il presidente del Verona Maurizio Setti
Il presidente del Verona Maurizio Setti
10.01.2019

«I presidenti passano, l'Hellas resta. Quando un giorno non ci sarò più, il Verona avrà un patrimonio più solido, uno stadio e un centro sportivo». A dirlo il presidente del Verona Maurizio Setti in un'intervista pubblicata oggi dalla Gazzetta dello Sport, in risposta alla domanda sulle critiche di molti tifosi gialloblù al patron.

Setti ha parlato anche dell'acquisizione del Mantova («Non è in conflitto con il Verona. La mia idea è un club dove crescere talenti funzionali all'Hellas») e di Grosso («Parla poco, ma ha una testa superiore è determinato».). E poi una stoccata a Mandorlini («Faceva fatica a far giocare i giovani, aveva dubbi anche su Iturbe) e un'ammissione: «Rafa Marquez è l'unico giocatore che abbia scelto io».