Pecchia: «Crotone?
Sarà fondamentale
il Bentegodi»

Mister Pecchia
Mister Pecchia
20.01.2018

«Per noi quella di domani sarà una partita di valore, vogliamo affrontarla con la stessa determinazione e personalità dimostrate in casa contro il Milan e la Juventus». Così il tecnico del Verona, Fabio Pecchia, alla vigilia dello scontro diretto contro il Crotone. «Loro hanno una maturità derivante da quanto fatto lo scorso anno, hanno già vissuto queste situazioni e con Zenga si è visto qualche cambiamento tattico anche se l’identità è molto simile a quella impostata da Nicola - ha aggiunto l’allenatore dell’Hellas -. Noi giocheremo per portare a casa l’intera posta, cosi come abbiamo affrontato anche le ultime partite».

 

Non ci sarà Cerci. «Abbiamo provato a recuperarlo fino all’ultimo, ma preferiamo essere cauti e scongiurare il rischio di ricadute, sarebbe un danno per lui e per il prosieguo del nostro campionato». Ci saranno, invece, i rinforzi che la società gli ha messo a disposizione. «Conosco bene chi è arrivato, li abbiamo voluti fortemente e dovranno essere inseriti al meglio nel contesto e nei meccanismi della squadra - ha spiegato Pecchia -. Matos ha ricoperto tutti i ruoli offensivi in passato, Petkovic è più un riferimento centrale, anche se ha già giocato da esterno. Sono in una buona condizione fisica, mentre Boldor arriva da un campionato diverso, ma saranno tutti importanti, abbiamo bisogno di energie ed entusiasmo nuovo».

 

Tornando alla gara di domani, Pecchia si rivolge al pubblico gialloblù. «L’appoggio del nostro pubblico è fondamentale e sono convinto che il Bentegodi ci darà una grossa mano domani, così come sono certo che la squadra saprà rispondere con una buona prestazione, dando tutto come sta facendo da diverse partite - ha concluso l’allenatore dell’Hellas -. L’obiettivo è quello di rimanere fuori dalla zona retrocessione nella giornata che conta e magari in quelle precedenti, dobbiamo scendere in campo con la grinta e la determinazione che ha contraddistinto le nostre ultime prestazioni per riuscire a fare più punti possibili da qui alla fine».