Est
Vai a
Vai a

Italia, Tommasi:
«Come in Corea»
Le reazioni gialloblù

Tommasi con Tavecchio
Tommasi con Tavecchio
14.11.2017

«Ragazzi il mondiale non l'abbiamo perso oggi. L'abbiamo perso 15 anni fa quando grazie ad un magna magna clamoroso degli addetti ai lavori, arrivavano in Italia bidoni da ogni parte del mondo a soffiare ingiustamente il posto ai nostri ragazzi...». Il difensore del Sassuolo ed ex gialloblù Paolo Cannavaro, fratello di Fabio, campione del mondo nel 2006, si sfoga e indica su Instagram le ragioni della disfatta azzurra. (VOTA IL NOSTRO SONDAGGIO: DI CHI È LA COLPA?)

«'Gli abbiamo dato soldi, gloria e conoscenza grazie ai nostri allenatori italiani che restano i migliori in assoluto. Spero solo che oggi toccando il fondo si rifondi il NOSTRO CALCIO! Via le mummie che gestiscono il calcio italiano e spazio ai giovani anche fuori dal campo! Fuori dalle palle grazie...». 

 

TOMMASI: COME IN COREA

«Dal 18/6/02 #italiacorea che non provavo questa sensazione...un grande aMoreno in bocca...un abbraccio da @assocalciatori a tutti i ragazzi👏». Così il presidente dell'Associazione Calciatori Damiano Tommasi: l'ex dell'Hellas partecipò al quarto di finale mondiale deciso dallo scandaloso arbitraggio di Moreno

 

SORRENTINO: ONORE A BUFFON

Scrive invece su Facebook il portiere del Chievo Stefano Sorrentino: «Ho dormito poco stanotte. Ho visto, e rivisto, le immagini della partita. E pensavo a Gigi, collega e amico. Mi dispiace. Non meritavi di lasciare la maglia azzurra così. Da Capitano, da Campione del Mondo, e da grande uomo che sei so che non sarà semplice dimenticare questa partita. Forse, la ricorderai per sempre.

Ma stai tranquillo Gigi, anche noi ricorderemo per sempre quello che tu hai fatto con la maglia della Nazionale. Come quella volta nel 2006, come quell'estate mondiale, in cui ci hai fatto dormire poco, svegli tutta la notte a festeggiare la vittoria a Berlino!»

CORRELATI
Condividi la notizia