Capolavoro Pozzerle
Medaglia veronese
a PyeongChang

L'esultanza di Pozzerle
L'esultanza di Pozzerle
12.03.2018

L’Italia cala il tris alla Paralimpiade invernale. Dopo le due medaglie di Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal nello sci alpino, oggi è arrivato l’argento nello snowboard cross firmato dal veronese 39enne Manuel Pozzerle, storico primo podio nella disciplina inserita nel programma della rassegna quattro anni fa a Sochi.

Allora non erano ancora previsti gli atleti Upper Limb (con disabilità agli arti superiori), che hanno fatto il loro esordio in Corea del Sud e i tre riders azzurri allenati da Igor Confortin hanno subito lasciato il segno, piazzandosi tutti tra i primi otto.

Due di loro, Pozzerle e Jacopo Luchini, sono approdati alle semifinali, mentre Paolo Priolo si è fermato ai quarti contro il fortissimo americano, Mike Minor. Lo statunitense ha incrociato nella prima semifinale Pozzerle, che ha sfoderato una super run, bruciando l’avversario in partenza e resistendo al suo ritorno, costringendolo all’errore che lo ha messo fuori gioco.

Nella seconda, invece, Luchini è stato superato da Simon Patmore. Il toscano ha dovuto così affrontare Minor nella small final per il bronzo, ma l’esperienza del rider statunitense ha prevalso, così come nella big final l’australiano non ha lasciato scampo a Pozzerle.

«Ma cosa ho combinato?», ha scherzato Manuel nell'intervista a fine gara.

CORRELATI