Willis e Ossi Duri
rock nel segno
di Frank Zappa

Ike Willis e gli Ossi duri al Bar The Brothers (Brusati)
Ike Willis e gli Ossi duri al Bar The Brothers (Brusati)
 
Giulio Brusati14.03.2018

Oltre un’ora e mezza di musica rock zappiana, suonata con notevole perizia e un carico di ironia. Ike Willis, già chitarrista e vocalist di Frank Zappa dal 1977, si è presentato al Bar the Brothers di Grezzana con gli Ossi Duri, formazione torinese che da un ventennio celebra e ripropone la musica del «compositore dei giorni presenti (che) si rifiuta di morire», per parafrasare una citazione di Edgar Varèse.

 

«Gli Ossi Duri li conosco da quasi 20 anni», ci ha raccontato il chitarrista americano, classe ’55, tecnica sopraffina e voce dissacrante. «La prima che ho suonato con loro, avranno fatto la prima superiore o nemmeno quella». Per la band torinese, «Willis è una vera e propria enciclopedia di Zappa. Per noi è stato come andare all’università zappiana».

CORRELATI