A Villa Scopoli il Boccaccio si fa moderno

M. PEZ.15.08.2018

È tratto da alcune novelle del Decameron «S-Boccaccio», in cartellone domani a Villa Scopoli per la rassegna Teatro al verde organizzata da Quinta Parete. Il regista e attore Andrea De Manincor affronta questo capolavoro curato nella drammaturgia da Luigi Zanon. Sul palcoscenico, con de Manincor, Sabrina Modenini e Stefano Zanelli: una produzione di La Burla e Attori&Attori il cui titolo rimanda a una volontà quasi parodistica della rilettura. «La storpiatura del nome Boccaccio ci riporta a quel clima scolastico in cui ci beccavano a fare le linguacce al professore, sempre però con la rispettosa dedizione per ciò che si imparava», svela De Manincor spiegando che il pubblico incontrerà tre figure portavoce che verranno a raccontarla con un linguaggio vicino alla contemporaneità e una galleria di ritratti da Madonna Filippa a Fra’ Cipolla, Tofano e Ghita. •