Nubifragio, danni a cantine
e campi in tutta la provincia

La pioggia a Legnago (Dienne)
La pioggia a Legnago (Dienne)
Luca Fiorin - Roberto Massagrande - Fabio Tomelleri13.05.2018

Pioggia torrenziale e grandine hanno provocato venerdì sera danni in diverse zone della provincia.

 

CASTEL D'AZZANO E BUTTAPIETRA

Il fortunale non era stato preannunciato né era stato oggetto di nessun tipo di allerta. Considerato che il sistema di rilevazione e previsione meteo dell’agenzia regionale per l’ambiente è solitamente efficace, si può parlare di un fenomeno eccezionale. Tutto è iniziato poco dopo le 17, con una pioggia che nella fascia che comprende i capoluoghi di Buttapietra e Castel d’Azzano è stata per quasi un’ora fortissima.

Il leitmotiv delle richieste di aiuto era quello delle cantine allagate, ma, anche, il timore di coloro che abitano in abitazioni che erano messe a rischio dalla piena dei canali.

Nelle zone di Azzano e Molino di San Martino sono saltati tre tombini. «In poco più di un’ora», conclude Panuccio, «sono caduti 92 millimetri di pioggia, un dato che, secondo gli esperti, non ha precedenti negli ultimi 10 anni». Effetti negativi anche sulle coltivazioni.

 

BOVOLONE

Nella zona del Parco valle del Menago la bomba d'acqua ha provocato la distruzione della tettoia prefabbricata usata dagli arcieri in attesa di un’autorizzazione che tarda per una struttura fissa da usare come sede, al campo di tiro in via Dei Restei. 

 

LEGNAGO

A Legnago le centralissime piazza Garibaldi e via Frattini coperte, a partire dalle 18.45, da alcuni centimetri di acqua che, soprattutto in via Frattini, hanno invaso i negozi, in particolare quelli del tratto di strada più vicino al Palazzo di vetro.

Altri disagi, segnalati anche dagli stessi cittadini sui social network, si sono registrati in parecchie aree cittadine. Sempre nel capoluogo, l’acqua ha sommerso le vie attorno al nucleo centrale rialzato di piazza San Martino. Quindi, nel quartiere di Porto, la «mini-alluvione» ha interessato via Principe Umberto ed altre strade. A Casette ed in altri quartieri sono stati diversi i garage e le cantine allagati. Nella frazione di Terranegra, ad un certo punto, è mancata pure la corrente elettrica, che è stata poi ripristinata verso le 23. Il nubifragio ha avuto ripercussioni sulla linea ferroviaria Verona-Rovigo, con ritardi di oltre un’ora. 

 

 

 

 

CORRELATI