Entro 40 giorni i trasferimenti al Magalini

L’ospedale Magalini di Villafranca
L’ospedale Magalini di Villafranca
01.06.2018

Avvenuto il trasferimento del reparto di Psichiatria dall’ospedale di Isola Scala al primo piano dell’ala est dell’ospedale di Bussolengo, si è attivato all’Orlandi il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura. Con tale operazione i reparti di psichiatria del Distretto 4 vengono ad assumere la seguente configurazione: 13 posti letto al secondo piano dell’ala sud cui si aggiungono 12 posti letto al primo piano dell’ala est, per un totale di 25 posti complessivi a disposizione dei due Servizi psichiatrici. L’operazione è stata motivata dal dover adeguare il reparto agli standard regionali e nazionali in tema di strutture sanitarie psichiatriche, compresa la necessità di essere ubicato in un ospedale generale munito di Pronto soccorso operativo h24, qual è quello di Bussolengo. L’ambiente ora presenta caratteristiche di comfort, funzionalità e sicurezza ed è dotato di dodici posti letto, distribuiti in ampie stanze da due letti con bagno e doccia. Gli utenti possono usufruire di aria condizionala, filodiffusione, spazi comuni di socializzazione dove si possono svolgere attività di gruppo e tecniche di meditazione. Contestualmente al trasferimento del reparto, il progetto complessivo prevede un potenziamento del Centro di salute mentale di Isola della Scala, con l’attivazione di un Day hospital territoriale. Sono altresì state autorizzate le assunzioni necessarie all’attivazione di quanto previsto dalla nuova programmazione ospedaliera definite dalla DGR 353/2018. FUNZIONERANNO quindi all’ospedale di Bussolengo, oltre al già citato Pronto soccorso, Medicina generale, Psichiatria, l’area chirurgica con il Day surgery multidisciplinare, Recupero e rieducazione funzionale. Nell’area servizi di diagnosi e cura, si trovano accettazione e Pronto soccorso, direzione medica, farmacia, laboratorio analisi, Medicina trasfusionale e Radiologia, e 24 posti letto di ospedale di comunità. A breve verrà attivata anche la lungodegenza e successivamente la dialisi. Naturalmente rimarrà attivo il poliambulatorio multi-disciplinare, odontoiatria compresa. Al Magalini di Villafranca si procede intanto con l’attivazione di servizi e specialità. Il programma prevede che entro la prima decade del mese di luglio, periodo in cui è storicamente prevista una riduzione di attività, vengano trasferiti dall’Orlandi di Bussolengo i reparti di degenza di Cardiologia, Geriatria, Pneumologia, Chirurgia generale, Otorinolaringoiatria, Ortopedia e traumatologia, Urologia, Ostetricia e ginecologia, Pediatria e Terapia intensiva, che vanno a integrarsi con il già presente reparto di Medicina generale. A questi va aggiunto il trasferimento dell’Oncologia e l’integrazione delle altre funzioni previste dalla DGR 353/2018. Va ricordato che per la stagione estiva la Direzione generale dell’Ulss 9 ha deciso di istituire, oltre al Servizio di assistenza sanitaria di base presso le località a rilevante flusso turistico comprese nei Distretti di Verona e dell’Ovest veronese, con sedi ambulatoriali distribuite dal lago di Garda alla Lessinia, anche un potenziamento dell’area emergenza e della sanità pubblica. NELLE MORE dell’effettuazione dei concorsi di medici e personale necessario, per le funzioni che dovranno garantire continuità e sicurezza, si è proceduto a bandire una selezione per l’acquisizione di servizi, come quello di personale medico specialistico in anestesia e rianimazione, servizio la cui carenza esiste in tutte le realtà sanitarie a livello regionale e nazionale. Per tale motivo presso il presidio ospedaliero di Bussolengo (come peraltro già fatto al Fracastoro di San Bonifacio) si è deciso di esternalizzare tale servizio di supporto alla gestione delle urgenze/emergenze tramite gara di servizi sanitari (e non assunzioni da cooperative, come impropriamente riportato dalla stampa), solo per un periodo limitato, per permettere quindi l’ effettuazione del concorso per l’assunzione di medici anestesisti, già autorizzato dalla Regione. Al fine di coprire i posti vacanti sono state richieste a tutte le Aziende del Veneto le graduatorie valide, ma senza alcun riscontro. Successivamente è stata attivata la procedura di mobilità alla quale ha partecipato un solo candidato e che è in fase di espletamento. Il direttore generale dell’ Ulss 9 Pietro Girardi, nel ringraziare personale medico, sanitario e amministrativo per il lavoro in atto a Bussolengo come a Villafranca, si dice convinto che «il ridisegno della sanità della Scaligera secondo parametri di efficienza, razionalità, sinergia e oculatezza nell’ impiego delle risorse, porterà ben presto i suoi frutti, con maggior efficacia e sicurezza per i cittadini». •