Diciassette anni fa l'attentato che ha cambiato la storia. A New York riapre la metro al World Trade Center

La prima pagina dell'Arena del 12 settembre 2001
La prima pagina dell'Arena del 12 settembre 2001
11.09.2018

Si celebra oggi, con numerose cerimonie commemorative anche in Veneto, l’anniversario dell’attentato dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York.

 

L'11 settembre 2001 quattro aerei dirottati da terroristi di Al Qaida provocarono quasi 3.000 morti: due velivoli si schiantorono contro le due Torri Gemelle di New York, uno colpì il Pentagono e uno si schiantò a terra.

«Una data che ha segnato un confine nella storia», secondo tutti gli osservatori. Anche perché provocò le reazioni militari americane (principalmente in Afghanistan e Iraq) e fu solo l'inizio dei numerosi episodi di terrorismo di matrice islamica che colpirono il mondo di lì in poi.

 

In occasione dell’anniversario della strage alle Torri Gemelle ha riaperto la stazione della metropolitana del World Trade Center rimasta distrutta negli attentati, completando di fatto la ricostruzione del sito iniziata con il Memorial 9/11, la Freedom Tower e Oculus, il complesso disegnato dall’archistar Santiago Calatrava. La fermata di Cortlandt Street fu travolta e sepolta da tonnellate di macerie quando le Twin Towers crollarono, trovandosi proprio sotto i grattacieli, e la sua ricostruzione è vista come una fase di rinascita. Tanto che il primo treno che si è fermato, sabato, è stato salutato da centinaia di persone.

 

 

 Nella fotogallery la prima pagina de L'Arena di quel giorno e le foto di quella tragedia rimaste nella storia. 

 

L'11 SETTEMBRE IN CILE

Ma anche per il Sud America l'11 settembre è una data nefasta: quel giorno, nel 1973, ci fu infatti il colpo di Stato che portò al governo del Cile il generale Augusto Pinochet. I suoi 17 anni di dittatura provocarono almeno 3.000 morti fra i suoi avversari politici, oltre a decine di migliaia di persone incarcerate e torturate.

CORRELATI