Stop interventi a Pordenone per emergenza influenza

13.01.2018

PORDENONE Emergenza sanitaria senza precedenti a Pordenone: l’influenza mette a letto l’intera provincia e gli ospedali sono al collasso. Per evitare di andare allo sbando, con pazienti su barelle e nei corridoi, l’Azienda per l’assistenza sanitaria 5 ha adottato un provvedimento drastico: stop agli interventi chirurgici programmati per lunedì prossimo, 15 gennaio. Tutti gli 820 posti letto degli ospedali di Pordenone, San Vito al Tagliamento e Spilimbergo sono occupati, nonostante i medici stiano dimettendo a ritmo forzato non appena le condizioni dei pazienti dimostrino un minimo miglioramento. Per questo è stata necessaria una disposizione eccezionale. «La decisione è stata assunta per far fronte ai maggiori flussi determinati dal picco epidemico dell’influenza, la riacutizzazione di malattie croniche in qualche modo legate allo stesso virus e alle complicanze che sono collegate, e un insolito carico di urgenze chirurgiche slegate dalla stagionalità» ha detto il direttore sanitario Giuseppe Sclippa. Secondo i dati forniti dalla rete dei medici sentinella Influnet dell’Istituto superiore di Sanità, in Italia i casi di influenza continuano ad aumentare, soprattutto tra gli anziani: nell’ultima settimana, le persone colpite sono 802mila e siamo vicini al picco epidemico. •