Est
Vai a
Vai a

Rimini, è fuori
pericolo Calvelli
Aperta l'inchiesta

I soccorritori sugli scogli (Migliorini)
I soccorritori sugli scogli (Migliorini)
 
20.04.2017

Non hanno fatto in tempo a lanciare il «mayday». Quando si sono resi conto che il Bavaria di 15 metri su cui viaggiavano era diventato ingovernabile, la situazione è precipitata nel giro di pochi minuti. Attimi che per quattro membri dell’equipaggio del "Dipiu", la barca a vela che ieri pomeriggio si è schiantata contro la diga foranea all’imboccatura del porto di Rimini, sono stati fatali. La Procura di Rimini ha aperto un fascicolo contro ignoti per naufragio colposo e l’imbarcazione è stata posta sotto sequestro.

 

Solo due delle sei persone - cinque veronesi e un vicentino - che erano a bordo sono sopravvissute: Luca Nicolis, 39enne titolare della "Bottega del vino" di Verona, dimesso dall’ospedale Infermi in tarda mattina, e Carlo Calvelli, 69enne otorinolaringoiatra ancora ricoverato ma ora fuori pericolo. Le vittime sono Alessandro Fabbri, cardiologo 66enne; sua figlia Alessia, notaio 38enne fidanzata di Nicolis; Enrico Martinelli, 68 anni, ex dirigente della Valdadige, ed Ernesto Salin, 64 anni, ingegnere di Camisano Vicentino. La barca apparteneva ad Alessandro Fabbri. L’aveva acquistata una decina di anni fa e dopo l’estate era stata portata in un cantiere a Ravenna per manutenzione. Ieri l’equipaggio era partito tra le 12.30 e le 13 da Marina di Ravenna in direzione Trapani. L’allerta meteo era già stata diramata ma i passeggeri avevano comunque deciso di salpare, confidando di potersi fermare lungo il tragitto se le condizioni del mare fossero peggiorate. Così è stato.

Intorno alle 16, arrivati all’altezza del porto di Rimini, hanno chiesto e ottenuto, via radio, il permesso di attraccare. Ma qualcosa è andato storto nelle fasi di avvicinamento al porto canale. Il motore si è praticamente bloccato e l’imbarcazione è diventata ingovernabile, finendo in balia delle onde che l’hanno scaraventata contro la diga foranea. La barca si è ribaltata e gli occupanti sono stati catapultati in mare. I primi soccorsi sono stati prestati da un fotografo riminese che era in zona e che ha lanciato l’allarme. Il primo ad essere tratto in salvo è stato Nicolis, finito sulla scogliera, e dopo di lui Calvelli, recuperato in mare con un gommone dei Vigili del Fuoco. La prima vittima, Enrico Martinelli, è stato trasportato dalla corrente e trovato sulla spiaggia libera poco dopo il naufragio. Le ricerche sono proseguite tutta la notte. Le altre tre vittime sono state trovate questa mattina: due incastrate tra gli scogli e una trascinata dalla corrente all’altezza del bagno 44, a circa due chilometri e mezzo dal porto.

 

La procura di Rimini ha nel frattempo aperto una inchiesta per naufragio colposo. Sequestrato il dispositivo gps dell'imbarcazione e si cerca di capire quale sia stata la rotta esatta, da chi sia stata presa la decisione di partire e chi fosse ai comandi.

 

A Rimini sono arrivati anche i parenti delle vittime. Il sindaco Andrea Gnassi ha sottolineato che «oggi è un giorno di dolore per tutta la comunità riminese» e ha ricordato la tragedia del Parsifal, imbarcazione travolta da una tempesta, nel novembre del 1995, durante una traversata atlantica. Morirono sei riminesi.

CORRELATI
Primo Piano
I vigili hanno chiuso l’accesso a via Mazzini da piazza Bra
 
Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia
 
Nel Veronese almeno 160mila esemplari

Emergenza nutrie
Al via il piano
per gli abbattimenti

Condividi la Notizia
Condividi la notizia