Dolce&Gabbana, Verona in passerella

A sinistra l'abito che Dolce&Gabbana hanno dedicato a Verona
A sinistra l'abito che Dolce&Gabbana hanno dedicato a Verona
27.09.2015

Cosa fa un turista appena sbarcato in Italia? Va a mangiare, fare shopping, visitare le bellezze della Penisola e, ovviamente, si fa selfie ovunque. Sembrerebbe un racconto da cartolina quello della passerella di Dolce e Gabbana alla settimana della moda milanese.
«Per noi vedere il Colosseo e Portofino, Firenze e Pompei, o mangiare una pizza è normale, ma per gli stranieri non lo è» dicono i due stilisti, spiegando che «l’Italia rimane sempre il Belpaese, è un biglietto da visita nonostante tutto». Lo sono le sue città e i suoi monumenti, stampati e ricamati su abiti, gonne e bluse, di cui fanno incetta le turiste appena arrivate che, tra uno spaghetto e un museo, rendono omaggio al made in Italy facendo shopping.
Nell'uscita finale ogni modella ha un abito diverso, dedicato a una delle città simbolo del Paese, da Capri a Portofino, da Pisa a Verona: un tributo così caldo che viene da pensare che si, in fondo siamo davvero la nazione più bella del mondo.